Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

lunedì 12 aprile 2010

Sardegna tra e cielo e mare.

“Il trekking più difficile d’Italia” questa è la definizione che è stata data al percorso che dal promontorio di Preda Longa, nel territorio di Baunei, arriva a Cala Fuili, nel territorio di Dorgali, passando per l’incantevole insenatura di Cala Luna, diventata famosa oltre che per la sua bellezza, per aver fatto da sfondo a numerosi film, tra i quali si ricorda “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmüller e il suo remake holliwoodiano con la cantante Madonna.
Non sappiamo certo se la definizione sia corretta, quello che è certo e che si tratta sicuramente di uno dei percorsi più belli che si possano percorrere nell’intero Mediterraneo.
Dove si possono trovare scogliere di calcare abbacinante a picco su un mare dal colore blu intenso, dove trovare profumi di timo e ginepri lavorati dal vento? Dove vivere la sensazione di essere parte di una natura incontaminata e assolutamente, per lo meno in apparenza, non antropizzata? Il Selvaggio Blu è un trekking che strega, dove la tanta fatica è sempre ricompensata da una natura impareggiabile.
L’intero percorso può essere articolato in 5/7 giornate di cammino, che per le elevate difficoltà tecniche, sono sicuramente destinate solo a camminatori esperti, con un buon livello di allenamento. Per la percorrenza dell’intero tragitto sono necessarie anche alcune discese in corda, per cui è necessario affiancare alla normale attività di camminata anche competenze in questo senso.
La difficoltà nel reperire nel territorio acqua e cibo, visto che si tratta, come indicato dal nome dato al percorso, di un itinerario assolutamente selvaggio, sconsiglia di avventurarsi senza una guida esperta e le necessarie competenze, ma viste le numerose associazioni, con guide professioniste, che svolgono tale compito, affidarsi ad esse per effettuare anche solo una o due giornate di percorso è un’esperienza veramente unica, che farà delle vacanze in Sardegna un ricordo indelebile e straordinario.
Il percorso prevede tappe nei territori di Baunei e Dorgali, per chi volesse, alla fine della giornata di cammino o a seguito dell’esperieza di più giorni, “bilanciare” l’aspetto selvaggio dell’esperienza con altro genere di piacevolezze, la costa sarda offre numerosi soluzioni: gli hotel in Sardegna sono numerosi e dotati di ogni moderno comfort, per coccolarsi e rifocillarsi dopo le intense fatiche.

Nessun commento: