Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

giovedì 17 febbraio 2011

La cessione no TFR

Diverse volte si è parlato della cessione del quinto come forma di finanziamento, ma una breve introduzione non fa mai male…


La cessione del quinto è una forma di prestito di cui possono fare richiesta pensionati e lavoratori dipendenti, con rate che non possono essere maggiori al quinto dello stipendio che percepisce la persona che lo richiede e che vengono ogni volta detratte direttamente dalla busta paga o dalla pensione.


Nel caso d’insolvenza ci sono come garanzia il TFR cumulato e le polizze assicurative – rischio vita e rischio impiego.


Ma in questo caso cosa succede ai Neo assunti che non hanno TFR cumulato?


La risposta è “cessione no TFR”.


Prima di tutto bisogna aprire una celere parentesi sul fatto che l’obbligo di impegnare il TFR come garanzia è richiesto solo nel caso di dipendenti di aziende Private, mentre per dipendenti statali e pubblici questo aspetto non sussiste benché il TFR è gestito in modo diretto dall’ Inpdap e non può costituire una garanzia per chi eroga.


Riguardo la “cessione no TFR” è tra i prestiti, una forma che possono avere anche i Neo assunti con scarso TFR accumulato che però richiede requisiti fondamentali per il richiedente:


- La società per cui lavora il richiedente deve essere solida (la Banca effettuerà una verifica a riguardo).


- Il dipendente che fa richiesta deve essere stato assunto con contratto a tempo indeterminato.


- Il dipendente che fa richiesta deve avere un’anzianità di servizio di almeno 3 mesi, con superamento del periodo di prova.


Tra le varie forme di prestiti questo è particolarmente adatto ai giovani che hanno necessità di liquidità repentina ma che allo stesso tempo possono rimborsare la somma ricevuta in tempi abbastanza lunghi e con piccole rate che non vanno ad influire particolarmente sullo stipendio mensile.


Fonte: http://www.prestitotto.it/16121/per-i-neo-assunti-c%E2%80%99e-la-%E2%80%9C-cessione-no-tfr%E2%80%9D.html


Nessun commento: