Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

mercoledì 22 giugno 2011

Un montascale per fare un regalo inatteso

Alle volte si vive nei condomini e non si sa come esprimere solidarietà, ma soccorre il buon senso.
Colpisce molto leggere che i condomini sono diventati dei campi di battaglia e la cronaca recente non aiuta ad una opinione migliore. Se si sente la parola “condominio” si viene a contatto con ricordi negativi e con pensieri nefasti di gente che crea problemi, di fastidi inenarrabili, di comportamenti ai limiti del sopruso, di menefreghismo classico, di maleducazione.

Ma colpisce anche notare l’assenza assoluta di buone notizie in merito e tali sono le notizie di solidarietà, amicizia, di giovani che solidarizzano con anziani, di burocrazia condominiale che viene scavalcata dal buon senso.

Queste storie ci sono, forse non sono tante e forse sono isolate ma ci sono e sono lampi di luce nella tenebra del condominio con le sue “leggi del beduino”.

Una storia di parrocchia, una storia come tante, ma è una storia che si può raccontare è la storia di un’anziana signora che, sola e disabile oramai, non riusciva più a fare le scale bene ed anzi, si sapeva essere stata ricoverata per alcune cadute rovinose.

Cosa si pensò di fare allora? Un gruppo di giovani del quartiere e alcun abitanti proprio di quel condominio a più piani, i più informati, non ebbero dubbi: iniziarono una sottoscrizione per comprare un montascale e dopo aver consultato vari tecnici e ditte specializzate in tema ne fecero un resoconto all’amministratore del Condominio con i preventivi e diedero così modo, ai residenti, di vagliare varie proposte e di considerare la più economica ma anche la più adatta all’edificio ed alle sue scale.

Si l’ascensore c’era ma tale strumento era stato aggiunto dopo e non copriva tutti i piani lasciando anzi l’ultimo e fatidico piano scoperto, quello della malcapitata signora.

Con un buon rapporto qualità prezzo e non poche discussioni, quindi, la questione si chiuse: il montascale fu preso e l’anziana potè, finalmente, rientrare in sicurezza a casa propria.

Nessun commento: