Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

mercoledì 26 ottobre 2011

Fare trading

In inglese lo conoscono con l’acronimo di TOL. Fare trading on line. In Italia ha ricevuto il via libera soltanto nel 1999, quando la Consob attraverso il Nuovo Regolamento di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari ne ha definito aspetti, norme e limiti.
Il trading si può riassumere come una forma di speculazione borsistica, dove le variabili che incidono sono essenzialmente due: il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita. Nel mezzo c’è la variabile del tempo che naturalmente determina tutti gli aspetti della transazione.

La scelta di tempo è fondamentale. Tant’è che ogni trader può tendenzialmente specializzarsi in una soltanto delle attività di transazione, a seconda del timing che sceglie per effettuare le operazioni.

Lo scalping
ad esempio è l’apertura e la chiusura di una serie di operazioni di trading distribuite su più titoli e svolta su un orizzonte temporale di qualche minuto.

Il day trading
consiste in un’attività di acquisto e vendita che si esaurisce nell’arco di una giornata.

Mentre l’open trading prevede un’azione più diffusa, nella quale il trader professionista ha acquisito le sue informazioni sull’andamento del titolo e decide di entrare in azione in un momento random.
Ciascuna di queste caratteristiche corrisponde però a un’abilità del trader, nel saper leggere situazioni e andamenti che pur essendo imprevedibili presentano sempre uno schema leggibile. La differenza, in questo caso, è data dall’esperienza. E, infine, è la ragione per cui occorre dissuadere i principianti dall’impegnare grosse somme nell’attività di trading, senza un minimo di bagaglio d’esperienza e senza mai aver preventivamente sperimentato gli andamenti del mercato.

Nessun commento: