Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

martedì 27 dicembre 2011

A Natale gli italiani hanno tagliato le spese

La prima cosa fatta, immediatamente dopo le festività natalizie, è stata quella di tirare le somme e fare un bilancio di come sono andati i consumi in questi primi giorni di festa. Ebbene i risultati ottenuti non sono mai stati così sconfortanti. Quello appena trascorso, infatti, può essere classificato come uno dei Natali più poveri della storia italiana.

Nessun settore è stato risparmiato dalla recente crisi economica, che ha costretto gli italiani a tagliare praticamente su tutto, non solo sulle spese non necessarie. Così se ci si attendeva un calo delle vendite in settori come l’abbigliamento e le calzature, che però hanno fatto registrare un calo maggiore rispetto a quanto previsto(-30%), nessuno si aspettava che settori tradizionalmente forti, come quello alimentare e dei giocattoli, subissero una flessione. Invece per questo Natale gli italiani hanno deciso di risparmiare anche sul cibo e i bambini si sono dovuti accontentare di molti giochi in meno.

La Coldiretti ha reso noto che sono stati spesi circa 2,3 miliardi di euro per cibo e bevande, che la maggior parte degli italiani ha deciso di trascorrere il Natale in famiglia e che sul versante regali la maggior parte degli italiani si sia addirittura indirizzato ai finanziamenti per rispettare alcune tradizioni. In totale la spesa è calata di circa il 18%, e non sembra che il periodo dei saldi subirà una sorte diversa. Pare infatti che anche i saldi invernali si dimostreranno un vero e proprio flop: -30-40%.

Nessun commento: