Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

domenica 26 febbraio 2012

Il significato dei simboli alchemici

Ci siamo per lungo tempo soffermate su alcune arti facenti parte del cosiddetto mondo della magia, come la cartomanzia e la chiromanzia, e ci siamo soffermati anche molto su alcune pratiche come i legamenti d’amore.

Oggi, invece, parliamo di un “settore” della magia un po’ più di confine, l’alchimia, soffermandoci nello specifico sui simboli alchemici. Nelle diverse culture i simboli esoterici possono assumere diverse interpretazioni il che significa che non è affatto semplice attribuire un significato preciso ad esso. Tuttavia è vero che esistono alcuni simboli la cui interpretazione è abbastanza invariata, cosa questa che vale per i simboli degli elementi che hanno sia lo stesso senso sia lo stesso potere.

Cerchiamo quindi di capire quali sono i simboli alchemici che possono avere nelle diverse civiltà lo stesso significato.

Il primo è il simbolo del cuore che sta a rappresentare l’amore e la spiritualità, l’incontro di due metà che si uniscono per formare una sola entità. Il simbolo del cuore è quindi l’emblema dell’amore, inteso anche come amore per il divino e come spiritualità all’amore.

Altro simbolo universale è quello del serpente, la cui interpretazione varia però a seconda delle diverse religioni e delle varie mitologie e culture che intorno ad esso possono ruotare.

Nella cultura cristiana il serpente ha come noto una connotazione negativa, in quanto viene inteso come animale distruttivo e malefico, mentre gli gnostici vedevano nel serpente un portatore di segni esoterici. I sumeri interpretavano il simbolo del serpente in correlazione con il dio Enki, inteso come dio della conoscenza, della saggezza e della scienza, mentre in India, nell’ambito del tantrismo il serpente veniva solitamente raffigurato come arrotolato alla base della colonna vertebrale a risvegliare i chakra.

I diversi simboli che solitamente vengono usati in astrologia per rappresentare i pianeti sono anch’essi usati nell’alchimia a rappresentare i diversi metalli, il che significa che anche in questo ambito l’interpretazione dei simboli alchemici è sempre la stessa; in quest’ottica il simbolo della luna viene associato all’argento, il sole all’oro, il mercurio all’argento vivo e così via.

Detto questo è chiaro che i simboli alchemici possono essere interpretati sempre in maniera diversa, il che significa che non è mai possibile attribuire ad essi un senso ben preciso.

Nessun commento: