Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

lunedì 16 aprile 2012

Il lusso moltiplica il suo fatturato

Si sente parlare crisi economica da mesi, anzi da anni, una crisi che percuote da tempo il commercio in tutti settori. Sembra strano, tuttavia per quanto ruguarda la moda sembra proprio che quelli colpiti dalla crisi sono i marchi low cost, mentre il lusso contemporaneamente aumenta il fatturato! Ciò è quello che emerge dallo scorso 2011 e dall'inizio del 2012 dove a quanto pare la moda di lusso ha oltrepassato tutti i primati e prevede un ulteriore aumento di introiti quest'anno. Sicuramente in un momento di incertezza come questo sembra illogico spendere migliaia di Euro in accessori e capi di abbigliamento eppure sembra proprio che in tutto il mondo in tanti non vogliano a rinunciare al look tanto che numerose aziende di moda in Italia hanno moltiplicato i propri introiti si dice di "due cifre". Non riguarda aziende da "4 lire" ma di firme come Valentino, con il 17,5% d'incasso in più, e ancora Tod's con il 23% e Salvatore Ferragamo con il 66%. Ma se questi dati non fossero sufficienti per capire a pieno la situazione ecco il brand in vetta alle classifiche dell'aumento di utili: Prada con il 72%. Di sicuro non sono i comuni mortali a permettersi l'acquisto di tali capi, anche se sembra che in Italia tali possibilità siano di circa 200mila persone. Per il resto invece chi acquista i sopraccitati marchi sono soprattutto turisti che vengono in Italia o direttamente oltre il confine e soprattutto in Cina, India, Indonesia e i nuovi ricchi dell'america latina.

Nessun commento: