Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

giovedì 2 agosto 2012

Storia dell’albo gestore rifiuti

L’albo Gestore rifiuti fu costituito presso il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del Mare a seguito del decreto legislativo 5 febbraio 1997. Presso l’albo dovevano iscriversi tutte le imprese che si occupavano della raccolta e smaltimento rifiuti sia a titolo professionale che per conto di terzi che potevano essere commercianti o intermediari.
L’albo gestore rifiuti è articolato in un comitato nazionale che ha la sede sempre presso il ministero, e che ha come funzione l’indirizzo e il coordinamento delle attività delle sezioni regionali le quali invece risiedono presso le camere di commercio dei capolouoghi. In base all'articolo 30 del D.Lgs 22/97, tutte le imorese che facevano parte del settore dei rifiuti avevano l’obbligo di iscriversi all’albo. La durata dell’iscrizione è di 5 anni e richiede una garanzia finanziaria che ha come scopo quello di rimborsare lo stato in caso di danni di varia entità. In un certo senso possiamo dire che l’albo abbia il compito di assicurarsi che le imprese impegnate nella raccolta e smaltimento rifiuti abbiano idoneità tecnica e capacità finanziaria. In seguito con la riforma delle norme in materia di gestione dei rifiuti, l'articolo 212 del decreto legislativo 152/06 è stato istituito l’albo nazionale gestori ambientali che va a sostituire quello precedente.
Con l’istituzione del nuovo albo sono state aggiunte nuove funzioni a quest’ultimo sempre in funzione di un miglioramento e maggiore controllo delle imprese di settore.

Nessun commento: