Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

sabato 13 ottobre 2012

Il legame tra scienza e non scienza


Nell’ambito del mondo dell’esoterismo esistono una serie di discipline diverse ognuna dotata do proprie specifiche caratteristiche e peculiarità E’ infatti impossibile pensare che il mondo della magia sia un blocco unico, in quanto al suo interno si devono riscontrare delle differenze a volte anche ben marcate.
Ad esempio si crede comunemente che la magia sia di un solo tipo, quando in realtà al suo interno è possibile distinguere dei filoni anche abbastanza diversi. Oggi parliamo di una forma di magia particolare, la magia bianca, una speciale pratica esoterica che si distingue dalla magia nera e da quella rossa, e che ha come scopo quello di andare ad agire sui fenomeni naturali e sulle leggi che li regolano. Questa azione si svolge attraverso ricerche ed esperimenti che puntano alla trasformazione di un elemento, con l’intento però di non arrecare danno, anzi di produrre degli effetti benefici.
Quindi se la magia nera cerca di opporsi ai fenomeni naturali e di piegarli al proprio volere, la magia bianca cerca di operare in sintonia con essi, consapevole del fatto che ogni organismo o fenomeno ricopra in un disegno generale ed universale una funzione ben precisa che non può e non deve essere alterata.
La magia bianca, pertanto, non viene mai utilizzata per sottomettere gli esseri o le forze del mondo al proprio volere, ma viene impiegata proprio per lavorare in armonia con tali forze, al fine di produrre degli effetti esclusivamente positivi.
Storicamente, proprio perché impostata su un concetto universale di cooperazione, la magia bianca viene inserita nel pensiero rinascimentale, secondo il quale tutta l’umanità, progressivamente corrotta dal peccato e ormai consapevole della propria degenerazione, tendesse a ritornare alla perfezione originaria.
In quest’ottica così come l’uomo tendeva ad una progressiva divinizzazione, anche tutte le altre forze del mondo cercavano di ritrovare la propria collocazione e funzione originaria.
Da quanto detto si capisce bene come il forte interesse della magia bianca nei confronti dell’analisi e dello studio della natura, hanno contribuito nel corso dei secoli a porre le basi di quella che sarebbe poi stata la chimica moderna. Non a caso gli studi dell’alchimia riguardavano l’analisi dei fenomeni empirico attraverso esperimenti scientifici. 

Nessun commento: