Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

giovedì 31 ottobre 2013

“Patrimonio mondiale, identità locali”, convegno interdisciplinare a Ragusa Ibla sull’Unesco

Ragusa - «Patrimonio mondiale, identità locali. Storia, patrimonio, diversità culturale nei documenti Unesco (1972 - 2005)». È il titolo di un convegno organizzato dalla Cattedra di Storia contemporanea della Struttura didattica speciale di Ragusa - Università di Catania, venerdì 8 novembre alle ore 10.00 nell'Auditorium S. Teresa di Ragusa Ibla. 
L'obiettivo del convegno è avviare un confronto multidisciplinare sui processi storici di patrimonializzazione innescati all'inizio degli anni Settanta dalla Convenzione Unesco sul Patrimonio dell'Umanità. Una particolare attenzione sarà dedicata all'analisi dei processi locali.
Due le sessioni previste: la prima avrà inizio alle ore 10.00, l'altra alle 16.00.
Apriranno i lavori il sindaco di Ragusa Federico Piccitto e il vicepresidente della Struttura didattica speciale di Ragusa Giuseppe Traina con un saluto di benvenuto ai presenti.
A seguire Gabor Sonkoly, storico, direttore del Dipartimento di Storiografia europea e scienze sociali all'Eötvös Loránd University (ELTE) di Budapest (Ungheria), svolgerà una relazione dal titolo "The Historic Urban Landscape, between
Modernism and Presentism". Gino Satta docente di Antropologia economica nell'Università di Modena e Reggio Emilia concluderà la sessione mattutina con una relazione dal titolo "Intangible Cultural Heritage: a postcolonial shift in UNESCO's policies". Presiederà Melania Nucifora, docente di Storia contemporanea dell'Università di Catania.
Tre gli interventi previsti nella sessione pomeridiana: Sabina Fontana, docente di Linguistica generale dell'Università di Catania, discuterà di "Paradigma del multiculturalismo e diversità linguistica: problemi e opportunità"; Santo Burgio, docente di Storia del pensiero filosofico (Università di Catania) affronterà il tema "Storie di negoziati. Tradizionale, popolare, locale". Infine, Giorgio Flaccavento del Laboratorio Insieme in città (Ragusa) parlerà di "Città tardo-barocche del Val di Noto: genesi di una candidatura".
Seguirà un dibattito, animato da Melania Nucifora, Gino Satta, Gabor Sonkoly e Salvo Torre (docente di Geografia culturale, Università di Catania) nelle vesti di discussants, con interventi di attori locali: amministratori, tecnici e rappresentanti di club Unesco.


Info e contatti
Inpress ufficio stampa
Cell. 329 3167786

Halloween @ Binario 11

B11  è un locale ampio e spazioso composto da ambienti diversi collegati insieme da un arredo dal sapore bohemien.  B11, ovvero l’undicesimo binario della stazione di Cadorna,è  una location fresca e vitale dove viaggiatori e habituè del caffè possono incontrarsi e godere di un’atmosfera rilassante e di sorprese sfiziose, uno spazio multifunzionale dal carattere deciso ed affascinante in grado di accompagnarvi in tutti i momenti della giornata.
Giovedì 31 ottobre festeggia al B11 con un’apericena esclusivo. L’Halloween Brasiliano è solo al Binario 11 con i gustosi piatti brasiliani preparati dalla cuoca Christine Mendes. Durante tutta la serata musica dal vivo con Aline Goncalves e dj set e animazione by Simona Furacao.
Una serata all’insegna del divertimento latino che ti travolgerà senza precedenti!

Ore 19 – 8 euro (apericena con una consumazione)

Per info e prenotazioni
Arturo: 3286023334

B11
via Paleocapa 1, angolo Piazza Cadorna.

028900266

Halloween@ Movida: Scena del crimine

Festeggia il giorno più spaventoso dell’anno con Spazio Movida! Il locale si tinge di rosso sangue e il crimine è in agguato.
 Divertimento sfrenato direttamente dalla scena del crimine! Il locale sarà addobbato con installazioni a tema per una serata unica ed indimenticabile. Musica, cocktails e tanto divertimento. Scatena la tua fantasia e crea la maschera più spaventosa.

Spazio Movida
Via Cardinale Ascanio Sforza, 20136 Milano
0258102043

mercoledì 30 ottobre 2013

Presentazione de C’ero una volta… e altri racconti di Beatrice Benet, 7 novembre, Villalba di Guidonia

“[…] La ragazza era rimasta in silenzio tutto il tempo limitandosi a rispondere quasi a monosillabi alle domande che ogni tanto la donna le poneva, a cena non aveva toccato cibo e il padre l’aveva giustificata dando la colpa all’emozione che sicuramente l’aveva travolta. […]” da “Pazza” È fissata per giovedì 7 novembre la prima presentazione della nuova pubblicazione dell’autrice Beatrice Benet. “C’ero una volta… e altri racconti” sarà così proposto al pubblico della Libreria Hemingway alle ore 18:00, in via Tiburtina 143 a Villalba di Guidonia. Beatrice Benet sarà accompagnata in questa serata da due ospiti d’eccezione, presenterà infatti Enzo Martino e Linda Cifaldi allieterà con un delizioso reading. Sarà presente un buffet ed aperitivo aperto a tutti, gentilmente offerto dall’autrice. “C’ero una volta… e altri racconti” è una raccolta di racconti che vede “C’ero una volta” come racconto principale e maggiormente esteso rispetto agli altri presenti (“Notte”, “Il mandolino”, “La lupa”, “Le sorelle R”, “Pazza”). Il libro è stato pubblicato dalla casa editrice Edizioni DrawUp nel mese di agosto 2013, nella collana editoriale “Oubliette”. Dalla prefazione di Maurizio Righetti “Il romanzo rifugge da tentazioni pedagogiche, le sue risposte le sceglie sul piano concreto. E, facendo proprio uno degli insegnamenti pirandelliani ("quando vedi due occhi pieni di rabbia, cadono tutti i sistemi filosofici"), evita di fornire alibi giustificatori che, per una sorta di cedimento istintivo al relativismo più spinto, finiscono per rendere accettabile tutto quello che succede intorno. Se capita agli altri poi… Il racconto degli eventi è crudo. Non perché manchi una morale. Piuttosto per far capire, quand’anche ce ne fosse bisogno, che al sopruso non si risponde né con la passività né con la vendetta, ma con la reazione e – soprattutto – con la denuncia. Meglio se coraggiosa. E, per quanto le circostanze lo consentano, immediata.” Enzo Martino è il Responsabile della Prevenzione e Sicurezza presso l’Italian Hospital Group, è una persona speciale, di grande cultura, amante della lettura. Linda Cifaldi si occupa di teatro sia come attrice che come regista, segue vari laboratori teatrali nelle scuole e con l'associazione culturale che ha fondato. Per parecchi anni ha lavorato con Beatrice Benet nel centro diurno Alzheimer che io coordino ottenendo ottimi risultati nella riabilitazione di questi pazienti anche attraverso il teatro. Beatrice Benet nasce ad Udine, si laureata in logopedia, è da tempo impegnata nell’assistenza ai malati di Alzheimer come coordinatrice dei servizi di assistenza domiciliare e centro diurno in un ospedale di Guidonia (Roma). Ha pubblicato nel 2007 per la SBC edizioni “Più lontano del mare e del cielo” una raccolta di quattro racconti al femminile che trattano storie difficili di donne di epoche e Paesi diversi passando dal dramma del carcere, alla dittatura sudamericana, per finire con la struggente storia di una malata di Alzheimer. Per Einaudi nel 2009 ha pubblicato il racconto “Giulia” nel volume di AAVV “Io mi ricordo”, uno spaccato del novecento attraverso i ricordi dei figli o nipoti dei protagonisti delle storie e per l’editore Fabio Croce cinque racconti all’interno del volume “Le opere e i giorni”. Sempre nel 2009 per la casa editrice Rupe Mutevole esce il secondo romanzo “L’Amante, colei che ama”, una lunghissima lettera che il destinatario probabilmente non leggerà, una lettera che racconta di un amore e dell’enorme divario tra la sensibilità maschile e quella femminile, del coraggio del vivere e della paura che porta a negare. Nel 2011, con “L’amante, colei che ama” si aggiudica la prima posizione della sezione A (prosa) del Concorso Nazionale Letterario Oubliette 01. Nel 2011 ha pubblicato, ancora per l’Editore Croce, tre poesie nel volume di AAVV “Poesie d’amore – poeti italiani del terzo millennio”. Ingresso libero Written by Alessia Mocci Info http://www.edizionidrawup.it/81-c-ero-una-volta-e-altri-racconti-9788898017720.html https://www.facebook.com/beatrice.benet https://www.facebook.com/groups/beatricebenet/ beatricebenet@groups.facebook.com Fonte http://oubliettemagazine.com/2013/10/30/presentazione-de-cero-una-volta-e-altri-racconti-di-beatrice-benet-7-novembre-villalba-di-guidonia/

“La prima vera estate”, si presenta il nuovo romanzo di Nicola Colombo

Pozzallo (RG) - Nicola Colombo torna in libreria con l'appassionato romanzo "La prima vera estate" pubblicato da Melino Nerella edizioni.
Il libro sarà presentato venerdì 8 novembre alle ore 17.30 nello Spazio Cultura "Meno Assenza" di Corso Vittorio Veneto. Ne discuteranno con l'autore il giornalista e scrittore Salvatore Scalia, già caposervizio per le pagine Cultura e spettacoli del quotidiano "La Sicilia" di Catania, e l'editore Silvio Aparo. Le letture dei brani, a cura di Maria Giunta, saranno intervallate dagli intermezzi musicali del maestro Aurelio Caliri.
Il romanzo, ambientato negli anni dal 1946 al 1983 tra Milano, Genova, Firenze e Bologna, racconta il viaggio attraverso la vita di Mariella. La sua è un'esistenza difficile, sempre in salita. Figlia di ignoti, d'indole ribelle, emigrata al Nord, la donna dovrà perdersi più volte - ora nei meandri di un amore sbagliato per uno spietato brigatista, ora nel baratro della prostituzione - prima di ritrovarsi a
quaranta anni d'età, tornare al suo paese d'origine e iniziare una nuova vita. Appunto, la sua prima vera estate. Il racconto, in prima persona, è un lungo monologo interiore dall'andamento diaristico nel quale si riflettono gli echi dei mutamenti politici e sociali che interessarono il Paese in quegli anni.
Nicola Colombo, segretario della Camera del Lavoro di Ragusa, già assessore alla Cultura del Comune di Pozzallo, ha lavorato come borsista all'Ansa di Palermo, al "Piccolo" di Trieste e a "La Sicilia" di Catania. "La prima vera estate" è il suo terzo romanzo.


Info e contatti
Inpress ufficio stampa
Cell. 329 - 3167786

Anna Cinzia Bonfrisco: Alfano no segretario di partito e ministro dell’Interno

Alfano non può essere insieme segretario di partito e ministro dell’Interno.
Anna Cinzia Bonfrisco
Testo integrale da La Notizia Giornale del 25 ottobre 2013.
Più che un falco, la senatrice berlusconiana Cinzia Bonfrisco preferisce definirsi un gatto: «Sa com’è, ogni tanto mi scappa la zampa…». Se n’è accorto il leader delle colombe Quagliariello, da lei definito «apprendista stregone», «traditore» e infine «dottor Stranamore del centrismo».
Piacevolezze a cui ha fatto seguire il non voto sul suo ddl di riforma costituzionale («Sono d’accordo con Nitto Palma: non può prescindere da una seria e profonda riforma della giustizia»), passato poi per il rotto della cuffia tra gli strepiti allarmati dei pdiellini governativi. Due giorni dopo Bonfrisco sceglie di tornare sorniona ma non per questo le sue unghie retrattili sono meno affilate.
Su Alfano osserva di trovare «difficilmente compatibili le cariche di segretario di partito e ministro dell’Interno. Lo dico nell’interesse del Paese e anche nostro: abbiamo bisogno di qualcuno che dialoghi con i cittadini senza essere ingessato al Viminale». Ecco, il partito. Sulla sua nuova sede sventola la bandiera di Forza Italia e invece continuate a chiamarvi Pdl. «È soltanto una questione di tempo. Forza Italia è il punto di approdo di un movimento che per scelta unanime prevede che Silvio Berlusconi ne sia l’unico leader. Questo percorso si completerà con una ratifica del Consiglio nazionale, indetto probabilmente per l’8 dicembre». Al centro di tutto resta la decadenza di Berlusconi dal Senato. «Se dovesse dipendere dal voto del nostro principale alleato allora cambierebbe ogni cosa perché farebbe emergere una contraddizione non sostenibile». Veramente il ministro Lupi va garantendo che il governo resterà comunque in sella fino al 2015. «Chi dice che l’esclusione di Berlusconi non cambierà nulla si nasconde dietro a un dito. E soprattutto inganna gli elettori». Intanto non passa giorno che Giovanardi, Cicchitto e Quagliariello non evochino la costituzione di nuovi gruppi parlamentari. «Mi auguro che non si arrivi davvero a una scissione».
Vabbè, questo lo dite tutti. E nell’attesa? «Nell’attesa mi limito a toccare con mano lo stato di confusione di alcune persone convinte che si possa rappresentare il centrodestra prescindendo da Berlusconi e vagheggiando posizionamenti neocentristi magari targati Ppe. Tutti costoro sono troppo assorbiti dalle alchimie politiche di Palazzo. Non capiscono che gli italiani si aspettano risposte a problemi concreti e non formulette politiche». E quindi? «E quindi quanto volete scommettere che Silvio sarà ancora una volta in grado di tenerci insieme, nell’interesse generale?» conclude con un tono di voce placidamente minaccioso.

martedì 29 ottobre 2013

NTApplicate partecipa ad ECOMONDO la piattaforma per le Green Solution a Rimini

Dal 6 al 9 novembre 2013 si terrà a Rimini la 17 edizione di ECOMONDO la Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile.Ecomondo è una fiera con un grandissimo bacino di utenza dovuto alla sua capacità di riunire la dimensione commerciale e la dimensione tecnico scientifica in un unico spazio dedicato all’innovazione del settore della Green Economy. Parlando di innovazione entra in campo l’azienda torinese Nuove Tecnologie Applicate che coglierà l’occasione di Rimini per andare a presentare il suo mezzo innovativo ad alta pressione completamente ecologico.
Da anni
Nuove Tecnologie Applicate si impegna nella ricerca di metodi di pulizia e bonifica ecologici, i continui investimenti in attrezzature all’avanguardia focalizzate sulle nuove tecnologie a basso impatto ambientale hanno fatto si che l’azienda sviluppasse delle tecniche di pulizia efficienti a risolvere qualunque tipo di problematica legata alla pulizia. Punti di forza dell’azienda sono la pulizia idrodinamica e quella criogenica. ECOMONDO sarà un’ottima vetrina per la presentazione della nuova pompa idrodinamica della NTA, un mezzo a metano, che con l’utilizzo dell’acqua ad alta pressione permette la rimozione dei graffiti da muri e monumenti senza rovinarli.
La NTA sarà presente in fiera a Rimini allo stand c7-169.
Per maggiori informazioni sulla fierawww.ecomondo.com
Per maggiori informazioni su Nuove Tecnologie Applicatewww.ntapplicate.it

Responsabile Comunicazione Nuove Tecnologie ApplicateNTApplicate.it
Via delle Cartiere, 40 - 10072 - Caselle Torinese
tel. 0119961642  -
info@ntapplicate.it  



NTApplicate partecipa ad ECOMONDO la piattaforma per le Green Solution a Rimini

Dal 6 al 9 novembre 2013 si terrà a Rimini la 17 edizione di ECOMONDO la Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile.
Ecomondo è una fiera con un grandissimo bacino di utenza dovuto alla sua capacità di riunire la dimensione commerciale e la dimensione tecnico scientifica in un unico spazio dedicato all’innovazione del settore della Green Economy.
Parlando di innovazione entra in campo l’azienda torinese Nuove Tecnologie Applicate che coglierà l’occasione di Rimini per andare a presentare il suo mezzo innovativo ad alta pressione completamente ecologico.
Da anni
Nuove Tecnologie Applicate si impegna nella ricerca di metodi di pulizia e bonifica ecologici, i continui investimenti in attrezzature all’avanguardia focalizzate sulle nuove tecnologie a basso impatto ambientale hanno fatto si che l’azienda sviluppasse delle tecniche di pulizia efficienti a risolvere qualunque tipo di problematica legata alla pulizia. Punti di forza dell’azienda sono la pulizia idrodinamica e quella criogenica. ECOMONDO sarà un’ottima vetrina per la presentazione della nuova pompa idrodinamica della NTA, un mezzo a metano, che con l’utilizzo dell’acqua ad alta pressione permette la rimozione dei graffiti da muri e monumenti senza rovinarli.
La NTA sarà presente in fiera a Rimini allo stand c7-169.
Per maggiori informazioni sulla fierawww.ecomondo.com
Per maggiori informazioni su Nuove Tecnologie Applicatewww.ntapplicate.it

Responsabile Comunicazione Nuove Tecnologie ApplicateNTApplicate.it
Via delle Cartiere, 40 - 10072 - Caselle Torinese
tel. 0119961642  -
info@ntapplicate.it  

Halloween @ Maya Milano

Festeggia Halloween in compagnia di Maya Milano! Nel pieno della movida milanese, Maya offre un’atmosfera vivace e frizzante, unita ad un aperitivo indimenticabile e a drink speciali ed esclusivi. La notte più spaventosa dell’anno sarà all’insegna del divertimento sfrenato, tra musica cocktail e travestimenti . Dalle 10.30 in poi chi si presenterà in maschera avrà un chupito in omaggio! Scatena la tua fantasia e la tua creatività per creare la maschera più spaventosa!
Non mancare!
Maya Milano
Via Cardinale Ascanio Sforza 41, 20136 Milano
tel: 0258105168

www.mayamilano.it

Tutte le domeniche Brunch@Maya Milano

Il Brunch è un modo diverso e divertente di stare in compagnia la domenica mattina. Dopo le feste del venerdì è del sabato l’imperativo è un sano riposo e un pranzo rinvigorente. Esportato in italia dalla tradizione americana, il brunch, è diventato un momento trendy e imperdibile per i giovani milanesi. Metà colazione e metà pranzo Il brunch milanese è solo al Maya Milano, tutte le domeniche dalle 11.00 alle 14.30 per divertirsi, rilassarsi e aspettare il lunedì con gli amici più cari. Ti aspetta un grande buffet con un mix di sapori dolci e salati: dolcetti, torte salate ed altri gustosi manicaretti che abbracciano la tradizione d’oltreoceano eseguiti con cura dai migliori ingredienti della nostra tradizione.
Non mancate!
La prenotazione è gradita.
Maya Milano
Via Cardinale Ascanio Sforza 41, 20136 Milano
tel: 0258105168

www.mayamilano.it

Michelle Bonev: Berlusconi, mentre era Presidente del Consiglio ...

Nelle due settimane successive alle mie dichiarazioni a Servizio Pubblico ho potuto verificare cosa succede a una persona come me, che non vuole più far parte di questo sistema corrotto. Sono stata attaccata senza tregua dalla stampa di regime con futili argomentazioni, con l’unico obiettivo di minare la mia credibilità e distrarre dai fatti che ho denunciato.
Il Blog di Michelle Bonev_480
Ricevo sistematicamente insulti gratuiti da politici e giornalisti considerati importanti, senza avere pari opportunità di replica. Nessun rispetto, solo inaudita volgarità. Perfino l’Ordine dei Giornalisti si muove contro Michele Santoro per le mie dichiarazioni a Servizio Pubblico, per voce del segretario nazionale Paolo Pirovano. Ma stranamente non fa alcuna dichiarazione contro quei giornalisti che ogni giorno alimentano la propaganda berlusconiana su tutti i giornali.
Non capisco perché s’ignori l’argomento più importante che io ho sollevato con la mia autodenuncia. Non è stato scritto nemmeno un articolo che approfondisca il fatto che Silvio Berlusconi, mentre era in carica come Presidente del Consiglio, intervenisse regolarmente su enti pubblici e sulle sue società, in pieno conflitto d’interessi, utilizzando risorse umane ed economiche a fini personali o per compiacere una delle sue “amiche”:
1) imponendo all’allora Direttore Generale Rai Mauro Masi l’erogazione di 1 milione di euro per i diritti televisivi del mio film “Goodbye Mama”;
2) imponendo all’ex Ministro della Cultura Sandro Bondi la creazione di un premio speciale durante la Mostra del Cinema di Venezia per il mio film “Goodbye Mama”;
3) imponendo al Direttore Mediaset Fiction Giancarlo Scheri la produzione della fiction“Donne in Gioco” da parte della mia società Romantica Entertainment.
Non c’è nessuno che abbia smentito le mie dichiarazioni: Masi, Bondi, Galan, Carfagna,Bergamini, Giro, Scheri, lo stessoBerlusconi: nessuno. Alcuni di questi personaggi erano addirittura presenti alla premiazione di “Goodbye Mama” a Venezia, rilasciando dichiarazioni pompose sulle mie capacità artistiche e sulle qualità del mio film. Oggi, invece, senza alcun pudore, mi attaccano, rinnegando tutto quello che avevano dichiarato. Cos’è cambiato? Perché nessun giornalista ha chiesto spiegazioni a questi signori?
L’unica cosa che apprendo dai giornali è di una presunta richiesta di 10 milioni di euro da parte di Francesca Pascale. Destinatari: Michelle Bonev,Michele Santoro, Francesca Fagnani, Servizio Pubblico, La7 e del suo editore Urbano Cairo. Tuttora confermo di non aver ricevuto alcuna comunicazione, sia formale che informale, di azioni legali nei miei confronti. In ogni caso, ribadisco ancora una volta, sono disposta a sostenere la verità anche davanti ai magistrati, come ho fatto a Servizio Pubblico e sul mio blog.
Ma davvero a nessun giornalista interessa come un Paese si sia ridotto ad uso e consumo di un pregiudicato e di una ragazza di 29 anni non eletta, senza alcun merito o titolo? E’ molto preoccupante che ogni giorno vengano pubblicati articoli con l’intento di attribuire una finta credibilità a Silvio Berlusconi attraverso la costruzione mediatica dell’immagine della sua “fidanzata”. Sembra quasi configurarsi lo scenario inquietante di un Silvio Berlusconi agli arresti domiciliari ad Arcore e di una Francesca Pascale a Palazzo Grazioli che dirige politica e governo. Si cerca in tutti i modi di distrarre l’opinione pubblica con cose futili: cani, fagiolini, messaggini… ma non c’è nessuno che accenda i riflettori sui legami tra politica e spettacolo dopo le mie dichiarazioni pubbliche.
Basta guardare di cosa si occupano i giornali in questo periodo:
a) il cambio di residenza di Francesca Pascale, come se questo bastasse a certificare una relazione sentimentale che nei fatti, è risaputo, è falsa.
b) il vero nome del cane Dudù, Gennaro, “svelato” da Maria Vittoria Brambilla (un vero e proprio scoop di interesse nazionale!)
c) il “cerchio magico” di Francesca Pascale e le sue improbabili cene con politici, ministri, rappresentanti delle istituzioni: nessuno che si chieda a quale titolo le organizzi e quali ricatti ci siano dietro
d) l’assegno dimezzato di Veronica Lario, come se un tale fatto privato possa considerarsi una vittoria politica della destra berlusconiana sulla sinistra!
e) il fantomatico fidanzato di Francesca Pascale (che stranamente i giornali riportano senza nome e senza faccia). Costui addirittura la accusa di tradimento per essere più credibile! Cose già viste. Da quando Francesca è stata presentata come la fidanzata ufficiale di Silvio Berlusconi sono stati scritti libri sulla sua vita, centinaia di articoli, interviste… ma stranamente non vi era traccia di alcun fidanzato prima.
E’ chiaro che il problema non è l’orientamento sessuale di Francesca Pascale, né la depravazione morale di Silvio Berlusconi, ma il fatto che essi si prendano gioco di milioni di persone, in modo sistematico, dipingendo un quadretto familiare che non esiste. Si vuole far credere che il bunga-bunga, di cui tutto il mondo ha parlato in questi anni, sia finito: la verità è che non è così. Si vuole far credere che Francesca Pascale abbia fatto “pulizia” nelle residenze dell’ex Cavaliere, ma la realtà è che lei è solo una delle tante che frequentavano Silvio Berlusconi già ai tempi delle “olgettine” e che la loro “relazione” è basata su ricatti e menzogne. Un intreccio che si ripercuote inevitabilmente sulla politica e sulle istituzioni: è di questo che dovrebbero parlare i giornali oggi. Non si possono ridurre questioni di tale rilevanza ad una lite fra donne, trasformandole nel più becero gossip.
Io mi ritengo una sopravvissuta di questo sistema. Parlo di cose che ho visto e ho vissuto personalmente. Le persone come me, pronte a denunciare tutto questo, non vanno massacrate, perché sono l’unica speranza che le cose possano cambiare. Il fatto che io abbia parlato, dimostra che questo sistema non è cosi forte come sembra. Ho incontrato molte persone compromesse che si logorano dentro perché non possono tornare indietro, perché hanno paura di essere giudicate negativamente dalla società. Io sono qui ora anche per loro. Non ho paura del fango che mi gettano addosso perché dico la verità e non ho niente da nascondere. Le argomentazioni che usano per screditarmi sono futili e senza fondamento.
Hanno pubblicato, senza mia autorizzazione, frammenti di alcuni miei messaggi WhatsApp relativi ad una conversazione privata fra me e Francesca Pascale, nel tentativo di strumentalizzarli e dimostrare la mia malafede. Ma la verità non può essere distorta, perciò ho deciso di pubblicare sul mio blog l’intero contenuto di quei messaggi, affinché ciascuno di voi possa giudicare senza strumentalizzazioniIo non ho nulla da nascondere, non ho mai ricattato nessuno.
Hanno tirato fuori le dichiarazioni di mia madre, la quale sosteneva, tre anni fa, dopo l’uscita del mio film denuncia “Goodbye Mama”, che io non avessi detto la verità riguardo la violenza e i maltrattamenti subiti da me e da mia sorella durante l’infanzia. Ribadisco, per l’ennesima volta, che mia madre è stata condannata per percosse dal giudice di Varna, in Bulgaria, e le è stato intimato di stare a più di 100 metri da mia sorella. Ho raccontato la violenza che ho subito da lei nel mio libro “Alberi senza radici”. Trovo grottesco usare le dichiarazioni di una persona violenta come mia madre per esercitare un’ulteriore violenza su di me. E’ come chiedere ad uno stupratore conclamato se la sua vittima mente. Smettiamola!
E non è finita qui! Ieri ho letto un articolo nel quale si fanno illazioni su un appartamento di proprietà della società Toriani Immobiliare e Partecipazioni srl Unipersonale, della quale ero socio unico, detenendo la nuda proprietà della quota. Di tale quota ho ceduto appunto la nuda proprietà a terzi e non vi era, come invece cerca di far credere ignorantemente l’articolo, alcun diritto di prelazione nei confronti di altri soci, poiché non vi era altro socio che me. Tutte le illazioni sulla vendita della quota societaria e sui presunti soldi inviati e non versati nelle casse della società, sono menzogne, frutto di malafede, e rappresentano l’ennesimo tentativo di screditare la mia persona. Ma tali illazioni sono facilmente demolibili dagli atti pubblici depositati negli uffici competenti.
In molti mi chiedono perché ho deciso di parlare solo ora, perché “sputo nel piatto dove ho mangiato”? Rispondo semplicemente che prima avevo paura, mi ero compromessa e non volevo perdere tutto. Per me sarebbe stato molto più conveniente andare avanti, piuttosto che dire la verità. Non c’è mai fine per chi resta nel sistema, si trova sempre una via di uscita, un “benefattore” pronto ad aiutare una bella ragazza. Non si ottiene popolarità a denunciare un sistema corrotto che porta ricchezza e potere a migliaia di persone. Esiste un equilibrio ben organizzato da decenni; sarebbe da pazzi pensare di poterlo distruggere. La corruzione è radicata ovunque, per questo il nostro Paese è ridotto così.
Io sono nata in Bulgaria, ma vivo in Italia da 23 anni e sono cittadina italiana dal 1998. La mia casa è qui, e intendo restarciIsuccessi che ho riscosso in televisione, documentati anche sul mio blog, sono un dato di fatto, e nessuno può contestare ciò che sono riuscita a raggiungere con il mio talento e la mia preparazione. Purtroppo in Italia, come in qualsiasi altra parte del mondo, il talento non basta, serve anche la raccomandazione, altrimenti non arrivi molto lontano. All’inizio della mia carriera ho cercato di farmi strada soltanto con il mio talento, ma presto mi hanno fatto capire che non era possibile. Nel sistema corrotto funziona così: prima ti devi compromettere, diventare una di loro, e poi ti danno quello che vuoi. Un circolo vizioso dal quale è molto difficile uscire, perché significherebbe essere disposti a morire. Il massacro mediatico è l’arma più efficace in questi casi: gettare fango e screditare, inventando menzogne che riguardano la persona interessata o i suoi cari. Non importa che siano menzogne, l’importante è annientare il “traditore” di turno per proteggere il sistema.
La Legge è sempre più lenta mentre la comunicazione oggi è velocissima: senza contraddittorio e senza alcun approfondimento, può fare il lavaggio del cervello a molte persone in poco tempo. Io questo lo so, e lo sto vivendo sulla mia pelle in queste ore, ma non intendo mollare, perché mi sento forte nella verità. Ho pagato a caro prezzo i compromessi che ho fatto, perdendo me stessa, i miei valori, la mia giovinezza. Ora mi chiedo come abbia potuto farmi così male? Io, che ho sempre creduto nei valori della vita. Mi sembra di essermi risvegliata da un lungo stato di coma, e di aver dimenticato chi io sia. Non posso che ricominciare da me. Mi chiamo Dragomira Boneva Ianeva, in arte Michelle Bonev, e sono una donna libera. Non possiedo altro che la verità. E da questa base ricostruirò la mia vita.

Le Cip è BIGBAG, per aver sempre con sé tutto ciò che serve.

Puoi scegliere di indossare ciò che vuoi, ma è la borsa che poi fa la differenza.
C’ è chi cerca funzionalità e capienza, chi invece ama stile e bon ton: ogni donna rispecchia la propria personalità nella borsa che sceglie di indossare.
Ed è così che dalla “fabbrica dei sogni” di Rossella Matteazzi nasce Le Cip, proprio per soddisfare “certe” esigenze, senza trascurare carattere e qualità.
  • BIGBAG, la Confortevole
  • TRAVELBAG, la Dinamica
  • LONGBAG, l’Affascinante
Soft per eccellenza la BIGBAG accoglie tutto il tuo mondo dall’alba all’imbrunire, dall’agenda al cellulare, dal rossetto alle chiavi di casa. Pensata per chi vive intensamente la città, dal lavoro al tempo libero, dallo shopping  all’aperitivo è una borsa versatile, un accessorio indispensabile per avere a portata di mano tutto il necessario proprio quando tu vuoi.
E’ possibile abbinarla alla sua Trousse nelle stesse nuance di colore e pellame. Una Coppia Vincente.
E’ il colore, ecco l’elemento che domina e contraddistingue la BIGBAG: armonioso cipria, vellutato kiwi, coinvolgente mosto, vivace zafferano, regale bluette, dolce cherry. Per il tuo Look glam “dedicati” alla BIGBAG la soft che più aspettavi.


Jit di Novella Donelli
tel. 0456171550
novella@justintimesrl.it
http://justintimesrl.wordpress.com

La Domenica Italiana@Exquisite Shu Club

La Domenica Italiana è una serata all’insegna del puro divertimento tutto made in Italy.
Una serie di eventi speciali che vi accompagneranno tutte le domeniche della stagione facendovi ballare al ritmo di una colonna sonora tutta italiana tra brani evergreen e pezzi più recenti, mixati alla consolle da Italian Style Radio.
L’appuntamento è allo Shu Club di Milano con lo stile tutto italiano! Una serata speciale per un aperitivo o una cena in compagnia e per una lunga notte di festa tra musica e gadgets.
 Un evento imperdibile per ballare, cantare e vivere l’Italia.

Aperitivo: 10 euro
Cena: 20 euro (solo su prenotazione)

Exquisite Shu Cafè
Via Molino delle Armi, ang. via della Chiusa (Milano)

Per info e prenotazioni: 393-0134920 e 373-8173711

lunedì 28 ottobre 2013

Ora legale, risparmiati oltre 93 milioni di euro. Dati Terna, Flavio Cattaneo

Torna l'ora solare. Secondo quanto rilevato da Terna, guidata dall’AD Flavio Cattaneo, durante il periodo di ora legale, grazie a quell’ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l’uso della luce artificiale, l’Italia ha risparmiato complessivamente 568,2 milioni di kilowattora, un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di 210.000 famiglie. In termini di costi, l’Italia ha risparmiato con l’ora legale 93,7 milioni di euro. Dalla home page del sito Terna, www.terna.it , è visibile la “curva di carico” che rappresenta l’andamento del consumo di energia elettrica in Italia in tempo reale.

ora_legale_

Dopo 120 giorni di ora legale, nella notte fra sabato 26 e domenica 27 ottobre torna l’ora solare: alle ore 03.00 si dovranno spostare un'ora indietro le lancette degli orologi. L’ora legale tornerà il prossimo 30 marzo 2014.
Secondo quanto rilevato da Terna, guidata dall’AD Flavio Cattaneo, durante il periodo di ora legale, iniziato il 31 marzo 2013, grazie proprio a quell’ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l’uso della luce artificiale, l’Italia ha risparmiato complessivamente 568,2 milioni di kilowattora (613 milioni di kWh il minor consumo del 2012), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di 210.000 famiglie.
Nei mesi di Aprile e Ottobre si è registrato, come di consueto, il maggior risparmio di energia elettrica. Ciò è dovuto al fatto che questi due mesi hanno giornate più “corte” in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell’intero periodo. Spostando in avanti le lancette di un’ora, quindi, si ritarda l’utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi come luglio e agosto, invece, poiché le giornate sono già più lunghe rispetto ad aprile, l’effetto “ritardo” nell’accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità.
In termini di costi, l’Italia ha risparmiato con l’ora legale 93,7 milioni di euro, considerando che per il cliente finale 1 kilowattora è costato, nel periodo in esame, in media circa 16,49 centesimi di euro al netto delle imposte. Nel dettaglio, a marzo si è avuto un risparmio di 7 milioni di kWh, ad aprile di 149 milioni di kWh, a maggio di 81 milioni di kWh, a giugno di 31 milioni di kWh, a luglio di 30 milioni di kWh, ad agosto di 32 milioni di kWh, a settembre di 81 milioni di kWh e ad ottobre di 158 milioni di kWh.
Nel 2012 il risparmio è stato pari a 102 milioni di euro poiché il costo medio di 1 kilowattora era di 16,65 centesimi di euro.
Dal 2004 al 2013 il risparmio complessivo del Paese è stato di circa 6 miliardi e 170 milioni di kilowattora, pari ad un valore di circa 900 milioni di euro.
Dalla home page del sito Terna, www.terna.it , è visibile la “curva di carico” che rappresenta l’andamento del consumo di energia elettrica in Italia in tempo reale.
FONTE: Terna

S.O.S. vacanze: consigli utili per non farsi fregare!


Scegliere un hotel per le vacanze non è mai stato così semplice, basta mettersi comodi comodi in poltrona e fare qualche click. Ma nel grande mare della rete siamo sicuri di prendere i pesci giusti? Ecco qualche consigli semplice e pratico per fare la scelta più adatta a noi. Per esempio, pensiamo di dover scegliere tra la vasta gamma degli hotels Cattolica
Hotel Luxor Cattolica

1) Chiarezza: cosa vogliamo?
Dobbiamo per prima cosa essere sinceri e fare una bella lista delle cose che ci piacciono. Alcuni vogliono essere direttamente sul mare, altri preferiscono il centro storico, altri ancora la pace e la tranquillità. Non volete rinunciare alla piscina? Volete un hotel con Centro Benessere? Oppure basta che sia un albergo economico? Fatevi tante domande per capire che tipo di servizi deve avere il vostro hotel e quali sono irrinunciabili. 
2) Recensioni su tripadvisor e simili
C'è stato molto terrore psicologico sulle false recensioni, ma per fortuna sono sempre meno i casi in cui capita di imbattersi in una bufala. Per esempio Tripadvisor ha una sezione con le foto dei viaggiatori, molto utile per vedere se le foto del sito dell'hotel sono veritiere o meno. Spesso si può anche vedere se le camere sono pulite, nota sicuramente importante quando andiamo in vacanza. Inoltre troverete tantissime recensioni, molti utenti scrivono molto accuratamente quello che troverete e i più bravi lasciano anche qualche suggerimento sulle attività da fare. 
3) Verifica le distanze e i mezzi di trasporto
Se viaggiate in auto è molto importante sapere se c'è un parcheggio, se è custodito o no. Capita spesso che su internet le distanze vengano accorciate e 10 minuti a piedi diventino 2 minuti. Quindi se siete fiscali utilizzate google maps e fatevi un'idea di quanto dista il mare, o il centro commerciale o i negozi. Inoltre se non viaggiate con un mezzo proprio assicuratevi che sia facile e comodo muoversi con i mezzi pubblici. Molti hotel offrono persino le biciclette, per un giro divertente tra i locali e le spiagge. 
5) Hotel per famiglie
Se siete una famiglia controllate che sia una struttura adatta a ricevere bambini, anche se neonati. Rampe d'accesso, preparazione di pappe, area giochi, animazione e servizio di baby sitter vengono proposti di frequente. 
E voi come scegliete un hotel? 

Camere adatti a tutti all'Hotel Belmar a Cattolica

L'Hotel Belmar, gestito sin dal 1965 dalla famiglia Simoncelli, è stato recentemente rinnovato e completamente climatizzato, per permettere ai turisti di trascorrere una vacanza al mare sempre più piacevole e spensierata.

Il recente rinnovamento a cui è stato sottoposto il nostro hotel a Cattolica, ha interessato anche le camere presenti in hotel, tutte dotate di nuovi servizi e di numerosi comfort per rendere il vostro soggiorno ancora più piacevole.

All'Hotel Belmar troverete tre diverse tipologie di camere :

  • Camera Perla
  • Camera Conchiglia
  • Appartamenti/Suites
Le camere Perla sono le camere principali dell'Hotel Belmar, dislocate sui vari piani dell'albergo, questa tipologia di camera è completamente insonorizzata e offre al suo interno aria condizionata e ventilazione, così da rinfrescarvi durante le calde giornate estive, ma anche riscaldamenti per i periodi più freschi dell'anno, cassaforte digitale in cui riporre i vostri oggetti di valore che non volete lasciare in giro, televisore lcd, e servizi privati completi di box doccia e asciugacapelli, ogni stanza inoltre dispone di un balconcino, ed è raggiunta da una connessione internet wi-fi.

Chi desidera trascorrere un soggiorno ancora più economico e con poche pretese, troverà particolarmente adatte le camere Conchiglia, piccole camere situate al di fuori dell'hotel e attrezzate con bagno, doccia, reti e materassi ortopedici, ogni stanza dispone di un comodo balcone.

Per le famiglie in vacanza o per i gruppi di ragazzi più numerosi invece, abbiamo pronti dei piccoli appartamenti situati direttamente all'interno della nostra struttura, e costituiti da ingresso, camera matrimoniale e a due letti, ampi balconi, bagno, televisore lcd, connessione internet wi-fi, e ovviamente aria condizionata e ventilazione.

Scegli tra le tre tipologie di camere proposte quella che rispecchia maggiormente le tue necessità, e contatta senza alcun impegno la nostra reception per scoprire quanto sia conveniente prenotare un soggiorno presso l'Hotel Belmar a Cattolica, riceverai in breve tempo un preventivo personalizzato con tutti i dettagli per una vacanza al mare su misura per te.

Il nuovo blog di Radici: vi aspettiamo!

Cari Amici, come avrete notato, in casa Rupe Mutevole, siamo in fase di completo rinnovamento: stiamo evolvendo... 

Ciò vuol dire che creeremo un nuovo blog,  una   piattaforma  atta a   rispondere  al meglio alle vostre esigenze... in cui raccontare cioè davvero e fino in fondo il senso delle vostre Radici...

Entro il mese di novembre, cercheremo di ricreare l'ambientazione che voi avete già amato, gli stessi umori arricchiti però dal surplus delle vostre testimonianze... 

Preghiamo quindi i vari autori (ed aspiranti tali) di contattarci all'indirizzo:  radici@rupemutevole.it

al fine di  inviarci tutto il materiale che servirà  ad incorniciarvi sulla nuova finestra messa a disposizione da Rupe Mutevole per i propri autori...

La collaboratrice Federica Ferretti sarà lietissima di lavorare insieme a voi...

per rincominciare...

Staff  Rupe Mutevole Edizioni

domenica 27 ottobre 2013

Premio Heritage Sicilia, pubblico delle grandi occasioni per una serata di emozioni e spettacolo


Ragusa - Due ore e mezza di intenso spettacolo; il ritmo serrato e avvincente della scaletta che alternava immagini, musiche e danze; l'applaudita esibizione degli artisti; la qualità dei premiati; la magistrale conduzione del presentatore Salvo Falcone; l'organizzazione impeccabile e la straordinaria cornice di pubblico che gremiva la sala in ogni ordine di posti. Sarà ricordata per questi "ingredienti" la cerimonia di consegna del Premio Heritage Sicilia 2013 che si è svolta ieri sera al Teatro Tenda, registrando un notevole successo di pubblico.La manifestazione - organizzata dal Centro studi Helios e dall'Associazione Heritage Sicilia con il contributo della Camera di Commercio di Ragusa, delle aziende Siriac, Nestlé-Acqua Vera, Antico Convento dei Cappuccini, Antica Dolceria Bonajuto, E-motion pictures, Siet, L'isola nell'Isola e Kreativamente di Emanuele Cavarra autore del logo del Premio -  non ha tradito le attese della vigilia, offrendo due ore e mezza di intrattenimento.

Protagoniste della serata sono state la Sicilia e la sicilianità, rappresentate sia dalle immagini che scorrevano sullo schermo, sia dagli artisti che si sono alternati sul palco, sia dai premiati che nel corso della loro attività hanno promosso il patrimonio e le tradizioni della Trinacria nel mondo.
Tra questi anche l'ex commissario Unesco Ray Bondin, maltese di nascita ma siciliano di adozione, che ha avuto parole di profondo apprezzamento per la nostra terra. "Viaggio in tutto il mondo – ha confessato Bondin ricevendo il premio dal direttore del Premio Ragusani nel Mondo Sebastiano D'Angelo - ma solo qui mi sento come a casa".
L'altro premio è stato consegnato dal sindaco di Ragusa Federico Piccitto al duo alcamese Calandra e Calandra, applaudito per l'esecuzione dei divertenti brani etno-folk "Sicilianu tipu strano" e "Lu matrimoniu tirituppi e t'appi".
Le tradizioni musicali popolari della Sicilia, reinventate e reinterpretate, sono state al centro delle esibizioni di Peppe Arezzo Orchestra con i brani "Nei Paesi del Sud", "Nesci Suli", "Luna lunedda" e "Pista 'a racina", di Carlo Muratori (premio speciale Heritage Sicilia 2013) appassionato cantore dell'anima popolare siciliana, e dell'Onorata Società, ma anche delle affascinanti danze e coreografie eseguite dal corpo di ballo del Masd di Emanuela Curcio.
La manifestazione, inoltre, ha voluto ricordare Mimì Arezzo, editore di libri e di riviste di storia locale e divulgatore della "ragusanità", assegnando un premio alla memoria che è stato consegnato dal commissario straordinario della Camera di Commercio Sebastiano Gurrieri al figlio Peppe, direttore musicale del Festival. "Sorrideva sempre. Fino all'ultimo – è stato il commosso ricordo del maestro d'orchestra – a forza di raccontarci le storie e le leggende della nostra terra, ci ha trasmesso il suo immenso amore per la Sicilia e per Ragusa". La voce di Daniele Voi, gli arrangiamenti di Peppe Arezzo e le coreografie del Masd hanno fatto rivivere le leggende di Giufà e Cola Pesce, tratte dalle pagine di Mimì Arezzo. Gran finale poi con tutti gli artisti sul palco per una jam session che ha dato il suggello a una serata ricca di emozioni e di spettacolo.


Info e contatti
Associazione Heritage Sicilia
Tel. 0932 066058 / 333 7781708
fax 0932 4130886
web:http://www.heritagesicilia.it
mail:redazione@heritagesicilia.it