Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

venerdì 29 novembre 2013

Flavio Cattaneo, Terna Trimestrale risultati positivi, conti battono attese

Terna, risultati positivi per la trimestrale, nei primi nove mesi del 2013 l'utile netto è cresciuto a 411,6 milioni, i ricavi a 1,401 miliardi e l'ebitda a 1,133 miliardi. Flavio Cattaneo, "Bisogna lavorare ancora molto anche per dare un contributo alla ripresa economica del Paese, perciò Terna prosegue con il piano di investimenti per lo sviluppo della rete elettrica italiana e delle interconnessioni transfrontaliere e guarda sempre a tutte le opportunità per una crescita organica, non solo nelle attività tradizionali, ma anche in quelle non tradizionali, sia in Italia sia all'estero".
Nuova Linea Elettrica Sorgente   Rizziconi   Flickr
Buoni risultati in una congiuntura non favorevole. Così l'ad di Terna, Flavio Cattaneo, ha commentato i conti pubblicati che hanno battuto le stime del consenso. Nel terzo trimestre dell'anno l'utile netto è cresciuto del 10,7% a 147,9 milioni (133,6 milioni nello stesso periodo del 2012) rispetto ai 135 milioni previsti. Bene anche i ricavi, che grazie all'effetto del maggior corrispettivo di utilizzo rete sono saliti del 9,1% a 482,4 milioni (472 milioni il consenso), e i margini: l'ebitda si è attestato a 400,8 milioni (+11,3%) rispetto ai 389 milioni del consenso.
Per quanto riguarda, invece, i primi nove mesi dell'anno, Terna ha registrato un utile netto a 411,6 milioni, in miglioramento del 15,8% rispetto ai 355,5 milioni di euro dell'analogo periodo del 2012. I ricavi sono saliti del 7,9% a 1,401 miliardi, riferibili per 1,242 miliardi al corrispettivo di trasmissione (+106,7 milioni di euro rispetto al 30 settembre 2012). L'ebitda ha mostrato un incremento del 10,1% a 1,133 miliardi.
Gli investimenti complessivi nel periodo sono risultati in flessione a 758 milioni rispetto ai 778,4 milioni (-2,6%) di un anno fa "sostanzialmente per effetto della differente dinamica degli stessi nei due esercizi considerati e alle significative attività svolte sulla Sorgente-Rizziconi nel corso del 2012", ha spiegato la stessa Terna. Nonostante il calo degli investimenti, l'indebitamento finanziario netto è cresciuto a 6,340 miliardi dai 5,855 miliardi registrato alla fine dello scorso esercizio.
Il cda di Terna ha anche deliberato la distribuzione di un acconto sul dividendo ordinario dell'esercizio 2013 di 7 centesimi di euro per azione, in linea con la politica dei dividendi annunciata lo scorso 6 febbraio 2013. L'acconto sul dividendo verrà posto in pagamento a decorrere dal 21 novembre 2013.
"Bisogna lavorare ancora molto", ha aggiunto Cattaneo, "anche per dare un contributo alla ripresa economica del Paese, perciò Terna prosegue con il piano di investimenti per lo sviluppo della rete elettrica italiana e delle interconnessioni transfrontaliere e guarda sempre a tutte le opportunità per una crescita organica, non solo nelle attività tradizionali, ma anche in quelle non tradizionali, sia in Italia sia all'estero".
A Piazza Affari il titolo, in linea al calo del Ftse Mib, cede il 2,32% a 3,614 euro. Prima dell'uscita dei conti questa mattina Equita ha ribadito il rating hold e il target price a 3,6 euro sull'azione, come Banca Imi (target price a 3,43 euro), mentre Kepler Cheuvreux e Mediobanca securities continuano a puntare (buy e outperform con prezzi obiettivo a 3,64 euro e a 3,90 euro), ritenendo che il vero focus sia sullo sviluppo delle attività non tradizionali così come sull'aggiornamento del piano industriale atteso a febbraio.
"Gli investimenti pari a circa 750 milioni danno credibilità all'obiettivo che l'azienda si è posto, ovvero raggiungere un livello di capex simile allo scorso anno a 1,1 miliardi", si legge nella nota di Mediobanca Securities che apprezza anche la capacità della società di finanziarsi a prezzi altamente competitivi.

L'Heritage Sicilia Festival promuove la Settimana multimediale del Barocco

Ragusa - Dopo il successo del Premio Heritage Sicilia, l'Heritage Sicilia Festival 2013 ritorna dall'8 al 14 dicembre con la Settimana multimediale del Barocco, che si svolgerà nell'Auditorium S. Vincenzo Ferreri (Piazza G.B. Hodierna, Ragusa Ibla).
L'obiettivo della manifestazione, organizzata dall'Associazione culturale Heritage Sicilia e dal Centro studi Helios, consiste nel valorizzare e promuovere il patrimonio culturale siciliano, tangibile e immateriale, sia attraverso strumenti tradizionali di diffusione della cultura sia attraverso nuove tecnologie multimediali.
A tal fine, nell'Auditorium S. Vincenzo Ferreri saranno allestite due mostre collettive. La prima, dal titolo "Armonie Barocche", esporrà le opere pittoriche di quindici artisti raffiguranti il Barocco, nelle sue forme e nei suoi colori. L'altra, intitolata "Barocco e Multimedia", proporrà un percorso espositivo fotografico, con stazioni multimediali che proietteranno le immagini del Barocco e dei monumenti delle città inserite nella World Heritage List dell'Unesco.

"Si tratta di un progetto 'aperto' – spiega Ignazio Caloggero, direttore dell'Associazione Heritage Sicilia – destinato ad artisti e fotografi, appassionati o professionisti, che vogliono esporre e far conoscere le loro opere. I quadri e le fotografie selezionate che non troveranno spazio all'interno di questo evento, saranno comunque inserite in una nuova mostra prevista per la prossima edizione dell'Heritage Sicilia Festival".
Rientra nell'iniziativa anche la premiazione del Concorso letterario internazionale "Heritage Sicilia 2013", che si terrà sabato 14 dicembre alle ore 17,30, sempre nell'auditorium S. Vincenzo Ferreri. Tre le sezioni in concorso, tutte incentrate sul tema della Sicilia e della sicilianità: poesia in lingua italiana, poesia dialettale siciliana e narrativa breve. La commissione giudicatrice assegnerà tre premi per ogni sezione. Ai primi tre classificati andranno una pergamena, la pubblicazione di una sua raccolta di opere (libro ed e-book) e l'inserimento del testo nel catalogo del concorso. Al primo e al secondo classificato, inoltre, andranno premi in denaro rispettivamente di 500,00 e 200,00 euro.


Info e contatti
Associazione Heritage Sicilia
Tel. 0932 066058 / 333 7781708
fax 0932 4130886
web: http://www.heritagesicilia.it
mail: redazione@heritagesicilia.it

I vantaggi della pasta artigianale per la nostra alimentazione

Si è sempre più sensibili al concetto di "mangiare sano", alla qualità e alla provenienza dei cibi. La pasta artigianale, da questo punto di vista, rappresenta un prodotto di eccellenza grazie all'impegno di piccole e medie aziende che, pur non essendo protagoniste nella grande distribuzione, riescono comunque a conquistare estimatori in tutto il mondo.

pasta artigianaleCosa c'è di più semplice di un buon piatto di pasta? Gli Italiani lo sanno bene, perché sono tra i primi produttori e consumatori di questo speciale alimento. La pasta artigianale, oggi, è acquistabile in tutto il mondo anche grazie all'e-commerce, che consente alle piccole e medie imprese di avere visibilità espandendo in questo modo il proprio mercato.

Sono diversi i portali che effettuano la vendita di pasta artigianale, al punto tale che l'utente può ritrovarsi combattuto nella scelta del sito sul quale condurre il proprio acquisto. Il dubbio di cadere in truffe o di acquistare prodotti contraffatti e di scarsa qualità, infatti, è sempre dietro l'angolo.

Per fornire un servizio serio e affidabile agli amanti della pasta artigianale, l'azienda Food in Italy S.R.L. ha dato vita a un portale dove l'utente può comprare in tutta tranquillità i migliori prodotti made in Italy. La filosofia del gruppo, infatti, è di tutelare il consumatore da truffe e contraffazioni scegliendo prodotti tipici italiani di qualità rintracciati tra i migliori produttori del Paese.

Per quanto riguarda la pasta artigianale, Food in Italy propone i marchi Mancini e Alfieri. La scelta di materie prime selezionate e la mancanza di conservanti rendono questi prodotti particolarmente appetibili, soprattutto per le persone che desiderano mangiare sano e che ricercano per la propria tavola sempre e solo il meglio.

Per realizzare i diversi formati di pasta artigianale, sia Mancini che Alfieri utilizzano metodi tradizionali, affiancandoli però alle più moderne tecnologie. La creazione di strutture adatte per la produzione, l'essiccazione e il confezionamento, nonché i numerosi controlli, rendono indubbia la qualità dei prodotti offerti dalle due aziende.

Nonostante questi indiscutibili punti di forza, se da un lato la pasta artigianale rappresenta un'eccellenza tutta italiana, d'altro canto si dimostra meno competitiva rispetto alla pasta in vendita nei comuni supermercati. In più, pur essendo gli Italiani tra i primi consumatori di pasta, la tendenza nei consumi mostra attualmente un andamento negativo.

La causa di questo trend è dovuta principalmente al fatto che molti ritengono che la pasta "faccia ingrassare". Come sempre, però, la verità è ben lontana dalle semplificazioni. Molti nutrizionisti hanno dimostrato che un piatto di pasta costituisce un ottimo alimento anche se si deve dimagrire: basta saper calibrare dosi e condimenti.

Insomma, un bel piatto di pasta fa meno danni rispetto al cibo take away o ai classici panini ripieni, sempre protagonisti nella vita di chi ha poco tempo da dedicare alla tavola. Consumare pasta, e in particolare pasta artigianale, costituisce invece un piacere che tutti possono permettersi, soprattutto quando si scelgono prodotti di alta qualità come quelli offerti da www.foodinitaly.com.

Il decorso della mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è il secondo intervento più praticato in chirurgia plastica estetica, subito dietro alla liposcultura. La grande popolarità di questa procedura è dovuta principalmente alla bellezza e naturalezza dei risultati generalmente raggiungibili a fronte di un decorso post operatorio piuttosto rapido che consente di riprendere tempestivamente la maggior parte delle proprie attività (lavoro, sport, vita sociale). In questo approfondimento vedremo in dettaglio qual'è il percorso tipico dell'intervento di aumento del seno a partire dalla visita preoperatoria, per poi passare al giorno dell'intervento e ai 30 giorni successivi all'operazione.

La prima visita

La fase preliminare all'operazione va considerata parte integrante della procedura ed è fondamentale per la comprensione esatta delle finalità e potenzialità della procedura nel caso specifico ma soprattutto, sede di inserimento della protesi (retro muscolare o retro ghiandolare), volume e tipologia delle stesse (anatomica o rotonda). E' molto importante chiarire completamente quasiasi dubbio o curiosità della paziente e dedicare anche un po' di tempo alla scelta delle protesi magari eseguendo qualche prova con delle epitesi esterne davanti allo specchio.

Il giorno dell'intervento

Il giorno dell'operazione si giunge in clinica o in ospedale generalmente la mattina presto a digiuno, se non si ha ancora fatto la visita anestesiologica vengono ricontrollati tutti gli esami pre operatori (eseguiti con dovuto anticipo) e si fa un colloquio con l'anestesista dove vengono concordati gli ultimi dettagli sul tipo di anestesia che verrà impiegato.
A questo punto alla paziente viene fatta indossare una vestaglia operatoria e viene preso un accesso venoso per poter somministrare i farmaci durante l'operazione e nelle prime ore dopo il risveglio. Qualche chiacchiera ancora per spezzare la normale tensione prima dell'operazione e poi si comincia!
L'ultimo passo prima di andare in sala operatoria è il "famoso" disegno. Quasi tutti gli interventi di chirurgia estetica richiedono dei disegni pre operatori e la mastoplastica additiva non fa eccezione. Vengono prese con accuratezza tutte le misure di riferimento per la preparazione della tasca protesica e vengono marcate le sedi delle incisioni (generalmente sull'areola o nel solco infra mammario). Si utilizza un pennarello specifico i cui segni andranno via con le prime docce.
L'intervento dura mediamente 60 minuti e di solito (ma non sempre) vengono posizionati dei piccoli tubicini di drenaggio in silicone morbido. Le incisioni vengono suturate con punti interni a rapido riassorbimento o con sottili punti esterni che andranno rimossi dopo due settimane. Le ferite vengono medicate con un piccolo cerotto e sulle mammelle viene applicata prima una fasciatura elastica leggermente compressiva.
Sopra le medicazioni viene fatto indossare un reggiseno medico modellante e compressivo che andrà tenuto per circa un mese.
Dopo l'intervento si rimane sotto osservazione per 3-4 ore in clinica fino alla piena autosifficienza dopo di che si viene dimessi verso il tardo pomeriggio. Per andare a casa si indossa un indumento comodo, solitamente una tuta.

La prima medicazione (5° giorno)

Dopo l'operazione si rimane a riposo a casa senza toccare nè il reggiseno nè la medicazione. Se sono stati posizionati i drenaggi questi vengono rimossi in ambulatorio il giorno successivo. Il quinto giorno viene fatta la prima vera medicazione aprendo reggiseno e fasciature e disinfettando le ferite.
Le cicatrici si presentano leggermente arrossate e con qualche crosticina che viene accuratamente pulita prima di posizionare una medicazione più piccola (steri strip) che andrà tenuta altri 8-10 giorni.
In questa fase il seno si presenta ancora piuttosto gonfio e rigido ma è destinato a cambiare molto in termini di naturalezza nelle settimane successive. I dolori sono pressochè spariti e si può riprendere gradualmente a svolgere un lavoro d'ufficio o comunque non faticoso e le proprie attività domestiche, nei limiti di quello che ci si sente di fare.
Da questo momento in poi è possibile aprire e chiudere il reggiseno autonomamente per lavarsi con una spugna avendo cura però di non bagnare la medicazione. Per una doccia intera e opportuno attendere ancora qualche giorno!

Seconda medicazione (14° giorno)

Dopo due settimane dall'intervento viene fatta la seconda medicazione (la terza, se si conta la rimozione dei drenaggi) e vengono rimossi i punti di sutura.
Il seno si presenta già più sgonfio e morbido. La rimozione dei punti (eventuale) è un'operazione indolore di pochi secondi.
Le cicatrici si presentano asciutte e pulite. Qualche piccolo livido può ancora essere presente ma sparirà in pochi giorni.
Da questo momento in poi è possibile farsi la doccia liberamente e riprendere tutte le proprie normali attvità tranne lo sport. Fino al termine del primo mese è necessario continuare ad indossare il reggiseno medico modellante.

Controllo mensile

Ad un mese dall'operazione il risultato finale è praticamente raggiunto. Le mammelle hanno una consistenza morbida e già piuttosto naturale. A questo punto è possibile riprendere completamente e senza limitazioni qualsiasi attività lavorativa, sportiva e di relazione.
Trascorso il mese è possibile indossare un normale reggiseno. Tuttavia è consigliabile (almeno fino al terzo mese) di evitare reggiseni con il ferretto o imbottiture. Vanno bene reggiseni con una piccola coppa preformata. La migliore soluzione resta comunque un reggiseno tipo sportivo in cotone elasticizzato ed allacciatura anteriore con cui è possibile fare tutto! Dopo il 3° mese si può mettere definitivamente qualsiasi tipo di reggiseno si voglia.
A questo punto il percorso della mastoplastica additiva termina. E' opportuno attenersi scrupolosamente alle indicazioni del chirurgo sui massaggi da effettuare sul seno e le accortezze da avere per il trattamento delle cicatrici. Normalmente sono previsti alcuni controlli a distanza, generalmente verso il 3°-6° mese e un ultimo controllo annuale.

giovedì 28 novembre 2013

Linfoma non-Hodgkin, bendamustina più rituximab raddoppia la PFS

Bendamustina più rituximab raddoppiano la sopravvivenza libera da progressione dalla malattia in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare, rispetto al trattamento standard CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone) più rituximab (CHOP-R)1.Questi i risultati di uno studio pubblicato su The Lancet. “Risultati che rappresentano un significativo passo avanti nella terapia antitumorale per i pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare”, ha affermato il professor Mathias J. Rummel, responsabile della Divisione di Ematologia della Clinica Universitaria di Giessenche ha condotto lo studio.
 Pharmastar
I risultati di uno studio pubblicato su The Lancet dimostrano che l’associazione bendamustina più rituximab (B-R) – in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare – raddoppia la sopravvivenza libera da progressione di malattia (PFS), rispetto al trattamento standard CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone) più rituximab (CHOP-R)1.
La PFS mediana dei pazienti trattati con B-R è stata di 69,5 mesi, contro 31,2 mesi di quelli trattati con CHOP-R, il regime chemioimmunoterapico più comunemente impiegato per queste patologie (p<0,0001)1.
Il beneficio statisticamente significativo in termini di PFS è stato mantenuto nel gruppo B-R indipendentemente dall’età e in tutti i sottotipi di linfoma non-Hodgkin; linfoma follicolare, linfoma mantellare e macroglobulinemia di Waldenstrom, con l’eccezione del linfoma della zona marginale, in cui il beneficio comunque non è stato inferiore1.
I risultati, inoltre, indicano che per la prima volta un regime terapeutico semplificato ha determinato una percentuale di risposta completa superiore a quella ottenuta da CHOP-R in uno studio randomizzato, ovvero del 40% nel gruppo B-R contro il 30,0% nel gruppo CHOP-R (p=0,021). Inoltre nel gruppo B-R sono stati rilevati meno effetti collaterali rispetto al gruppo CHOP-R, con una percentuale di eventi avversi seri del 19% nel gruppo B-R, contro il 29% dei pazienti trattati con CHOP-R1.
Nei pazienti che hanno ricevuto B-R vi è stata minore mielosoppressione, con neutropenia grave verificatasi solo nel 29% dei soggetti, contro il 69% di quelli del gruppo CHOP-R (p<0,0001)1.
Con il regime B-R sono diminuite in maniera significativa (p=0,0025) anche le infezioni, che sono un effetto collaterale importante della chemioimmunoterapia1. Un effetto collaterale della terapia CHOP-R comunemente riconosciuto è la caduta dei capelli; problema che, tuttavia, non è stato riportato da nessuno dei pazienti del gruppo B-R (p<0,0001)1.
“Questi risultati rappresentano un significativo passo avanti nella terapia antitumorale per i pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare, che in passato hanno dovuto sopportare regimi chemioterapici particolarmente aggressivi e tossici”, ha affermato il professor Mathias J. Rummel, che è responsabile della Divisione di Ematologia della Clinica Universitaria di Giessen (Germania) e ha condotto lo studio. “Il nostro studio ha dimostrato che bendamustina e rituximab realizzano un notevole miglioramento in termini di PFS, e che questa associazione è meglio tollerata rispetto a CHOP-R . Ciò significa che questo regime, se approvato dalle Autorità regolatorie, potrebbe diventare una nuova terapia di prima linea , in grado di allungare la sopravvivenza, libera da progressione della malattia, per i pazienti che combattono queste neoplasie”.
“I risultati di questo studio sono molto incoraggianti per il linfoma non-Hodgkin indolente”, ha dichiarato il professor John Gribben, Presidente del Workshop Internazionale sul linfoma non-Hodgkin. “Il fatto che bendamustina e rituximab comportino minori effetti avversi e un’efficacia nettamente superiore rispetto al regime tradizionale CHOP-R, indica che siamo di fronte ad una nuova terapia nel trattamento di questa patologia”.
Il linfoma non-Hodgkin (NHL) è il decimo tumore più diffuso al mondo; con 356.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno, secondo le stime del 2008, riguarda due tumori ematologici su cinque2. Nell’Unione Europea, la sua incidenza media stimata nel 2008 è di 10,8 ogni 100.000 abitanti, con il picco più alto nei soggetti di sesso maschile del Lussemburgo (circa 19 casi ogni 100.000)2,3.
Bendamustina è attualmente commercializzata come trattamento in monoterapia per pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente nei quali la malattia è progredita durante o entro 6 mesi dal trattamento con rituximab o con un regime che ha compreso rituximab. I dati dello studio StiL NHL-1 sono stati sottoposti alle Autorità regolatorie, affinché prendano in esame l’eventuale indicazione del trattamento con bendamustina più rituximab come terapia di prima linea per il linfoma non-Hodgkin indolente e il linfoma mantellare.
Metodologia dello studio StiL NHL-1
StiL NHL-1 è stato uno studio di Fase III, prospettico, di non inferiorità, multicentrico, randomizzato in aperto. Ha coinvolto 549 pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare di nuova diagnosi, allo stadio III o IV1.  I pazienti sono stati classificati in base al sottotipo istologico e poi randomizzati per ricevere bendamustina 90mg/m2 nei giorni 1 e 2 ogni 4 settimane o CHOP (ciclofosfamide 750 mg/m2, doxorubicina 50 mg/m2 e vincristina 1,4 mg/m2 il giorno 1, e prednisone 100 mg/die per 5 giorni) ogni 3 settimane per un massimo di 6 cicli. I pazienti in ambo i bracci di trattamento hanno ricevuto rituximab 375 mg/m2 il giorno 1 di ciascun ciclo1.
Il Regime Terapeutico CHOP-R
Rituximab più chemioterapia, di solito CHOP-R, è l’attuale standard terapeutico di prima linea per pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente avanzato e per i pazienti anziani con linfoma mantellare1.
Bendamustina
Bendamustina è stata scoperta 50 anni fa in Germania, precisamente in quella che allora era la DDR (Germania dell’Est). Nel 2008, la Food and Drug Administration americana (FDA) ha approvato bendamustina per il trattamento dei linfomi non-Hodgkin indolenti (iNHL) e della leucemia linfatica cronica (CLL); successivamente, nel 2010, la molecola è stata approvata in Europa per il trattamento di alcuni tipi di iNHL, CLL e mieloma multiplo.
Bendamustina ha autorizzazioni alla commercializzazione in Germania, Francia, UK, Italia, Spagna, Austria, Svizzera, Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Polonia, Slovacchia, Irlanda, Cipro, Islanda, Belgio, Olanda, Grecia, Slovenia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania e Bulgaria,  dove è commercializzata dalla rete Mundipharma di aziende indipendenti e associate.
Negli Stati Uniti bendamustina è commercializzata da TevaPharmaceuticalIndustries Ltd. (NYSE: TEVA). SymBioPharmaceuticals Ltd detiene i diritti esclusivi per sviluppare e commercializzare bendamustina HCL in Giappone (concesso in licenza a Eisai Co Ltd) e di alcuni paesi asiatici, tra cui Hong Kong e Singapore. In Sud America e Australasia i diritti commerciali sono detenuti da Janssen-Cilag Ltd.
Bibliografia
[1] Rummel MJ, Niederle N, Maschmeyer G, et al. Bendamustine plus rituximab versus CHOP plus rituximab as first-line treatment for patients with indolent and mantle-cell lymphomas: an open-label, multicentre, randomised, phase 3 non-inferiority trial. The Lancet, 20 February 2013 (online publication, ahead of print).
2 Non-Hodgkin lymphoma incidence statistics: In the EU and worldwide. Cancer Research UK. Available at http://www.cancerresearchuk.org/cancer-info/cancerstats/types/nhl/incidence/#world. Accessed February 2012
3 European Age-Standardised rates calculated by the Cancer Research UK Statistical Information Team, 2011, using data from GLOBOCAN 2008 v1.2, IARC, version 1.2. Available at Non-Hodgkin lymphoma incidence statistics: In the EU and worldwide. Cancer Research UKhttp://www.cancerresearchuk.org/cancer-info/cancerstats/types/nhl/incidence/#world. AccessedFebruary 2012.
FONTE: Pharmastar

Leggins mania...il trionfo della fantasia

Stampiamo le nostre gambe con motivi barocchi, orientali e leopardati.

All'inizio erano nere, poi ne abbiamo viste di tutti i colori...di cosa stiamo parlando?
Delle leggings.

Oggi abbiamo la possibilità di cucirci addosso delle stampe artistiche indossando le bellissime legginngs di Fvk Paris.

Possiamo scegliere tra una Chain Ribbon Leopard leggings a stampa animalier con catene dorate da sfoggiare per la sera abbinata a una bella scarpa oro, oppure possiamo optare per Baroque water leggins da giorno con un bel maglione di lana bianco.

Un capo di abbigliamento molto versatile e divertente con cui giocare adatto anche per un look più aggressivo con un Croc Baroque leggings, il risultato? Come avere una seconda pelle adornata di nero e oro, molto chic!

Il vantaggio delle leggings a fantasia rispetto a un jeans leggings è quello di dare forma alla forma dove c'è bisogno e di togliere forma alla troppa forma, un trucco non da poco per un outfit perfetto!

Le leggins a fantasia possono essere indossate da tutte le donne non solo da +MartinaColombari che sfoggia leggins leopardati.

Le migliori leggins stampate sono le leggins lycra proposte online da Velvet Snack, se volete entrare a far parte della nuova tribù delle girls in leggins per la moda inverno 2014.

“La poetica dell’immagine”, mostra di Alvarez e Guccione nella Galleria Qudrifoglio

Siracusa - Sabato 7 dicembre alle ore 18.00 nella Galleria Quadrifoglio (Via Santi Coronati 13, Ortigia) sarà inaugurata la mostra di Sonia Alvarez e Piero Guccione dal titolo " La poetica dell'immagine", a cura di Mario Cucè. L'evento è patrocinato dal Comune di Siracusa.
"La mostra di Sonia Alvarez e Piero Guccione – come scrive Paolo Nifosì nel dépliant - è particolarmente intrigante per diverse ragioni. Piero e Sonia sono compagni di vita e da trentacinque anni discutono anche di pittura quotidianamente". Non solo. I due artisti, oltre al comune senso "classico" della pittura, sono complementari quanto a scelte iconografiche.
La Alvarez dipinge immagini di interni, "gli angoli della sua casa saturi di memorie, di letteratura, di dipinti di artisti amati, dalle icone russe che le ricordano la casa dei nonni di origine greca, alle stoffe di Vermeer e degli interni olandesi in cui ha vissuto per alcuni anni, ai dipinti di La Tour o di Chardin". Nella sua pittura è la penombra ad essere protagonista.
Guccione dipinge l'esterno, la lontananza, la luce: "dai campi e dal vallone vicino, ai carrubi, fino all'orizzonte dove il mare s'incontra col cielo", ma anche "la solitudine e la malinconia delle pietre, gli alberi dei carrubi feriti e sanguinolenti, la felicità di un mandorlo in fiore, i sentieri nel mare infinito"."A riguardare le opere di Sonia e Piero – continua Nifosì - in questa mostra in cui si confrontano, diventano emblematiche di una condizione antropologica tra maschile e femminile, tra la dimensione interna che è femminile e una esterna che è maschile, espressa e celebrata negli oli, nei pastelli, nelle grafiche".
Sonia Alvarez è nata a Marsiglia da genitori greci. Dopo gli studi umanistici si è dedicata al disegno, alla pittura e alla scultura, vivendo tra il Marocco, Parigi e l'Olanda. Nel 1977, con Piero Guccione, ha trascorso lunghi periodi di lavoro in Sicilia dove si è trasferita definitivamente nel 1979. Ha preso parte a numerose mostre personali in gallerie pubbliche e private di notevole prestigio, cui si aggiungono le collettive alle quali partecipa con il Gruppo di Scicli.
Piero Guccione (Scicli, 1935) si è formato a Roma dove ha frequentato i pittori neorealisti Attardi e Vespignani. È stato assistente di Renato Guttuso all'Accademia di belle Arti di Roma dove ha insegnato pittura. Il suo curriculum è ricco di mostre ospitate nelle più importanti Gallerie d'Arte in Italia e all'estero e di antologiche in musei di prestigio internazionale. Insignito nel 1999 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri del Premio speciale per la Cultura con Riccardo Muti e Rita Levi Montalcini, nel 2004 ha ricevuto la medaglia d'oro della Presidenza della Repubblica Italiana per le sue benemerenze nel campo dell'arte. Una sua opera fa parte dal 2003 della collezione permanente di Palazzo Madama.
La mostra potrà essere visitata sino al 7 gennaio, tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00.


Info e contatti
Quadrifoglio - Galleria d'arte contemporanea
Via Santi Coronati, 13 – Ortigia, Siracusa
Tel. 0931 64443 -
Sito web: www.galleriaquadrifoglio.it
E-mail: info@galleriaquadrifoglio.it

"Giardino dei sapori perduti", una bottega da fiaba!

Un sacchettino di biscotti per Natale


Gustarvi i biscotti del "Giardino dei sapori perduti" il giorno di Natate, davanti al cammino con una buona cioccolata calda o un bel bicchiere di vino dolce, potrebbe essere un bel modo per soppravvivere alle festività e ai parenti!

Il Giardino dei sapori perduti è molto più di una piccola pasticceria, si potrebbe quasi definire una biscotteria, dove il proprietario Paolo, nonchè re del biscotto, prepara squisiti biscotti con ricette genuine.

Il risultato è fantastico sia per il palato che per la vista: un sacchettino trasparente contenente almeno16 biscotti, dalle forme e dai colori differenti, chiuso con un filo di lana, molto chic!

Biscotti integrali, alla soia, al farro, al miele, al pistacchio, cantucci, amaretti... Ma anche le "peschine", gusci di pasta frolla farciti di crema pasticcera e bagnate nell'alchermes, rotolate nello zucchero o riempite di mascarpone, bagnate nel caffè e cosparse di zucchero e cocco.

Di solito chi entra dentro questo negozio di biscotti, dietro la vecchia pescheria a Cesenatico, finisce sempre per comprare almeno due sacchettini di biscotti, uno da regalare e uno da sgranocchiare...sono irrestibili. Si sente proprio il sapore dei biscotti fatti a mano con amore, seguendo le ricette di una volta.

Una biscotteria che sembra una bomboniera, curata nei minimi particolari con tendine ricamate, mobili della nonna, vetrine e vassoi ricolmi di squisitezze. Una bottega d'altri tempi con all'esterno un piccolo salottino, che si affaccia sulla Piazza delle Conserve, dove gustare anche un bicchiere di Albana in compagnia.

Andare al "Giardino dei sapori perduti" sarà un pò come una volta, quando da bambini si andava in drogheria a comprare le caramelle!

Vino rosso Merlot biologico per il giorno del ringraziamento

Happy thanksgiving all'italiana con pollo ( al posto del tacchino) al vino rosso.


In America il +Thanksgiving day si festeggia il quarto giovedì del mese di novembre (nel 2013 cade giovedì 28 novembre). In origine questa festività era nata nel 1621 come segno di gratitudine in occasione della fine del raccolto.

Quale modo migliore di rievocare la fine del raccolto con una buona bottiglia di vino rosso biologico della cantina Coceani Vignai di Roc.

Un Merlot DOC senza solfiti che ben si abbina alla carne leggera, come il tacchino in America o il pollo in Italia.

Un vino rosso rubino intenso con richiami ai frutti del sottobosco, perfettamente in armonia con la salsa "ossicocco" a base di mirtillo, tipica del pranzo del Thanksgiving per condire il tacchino.

Se vogliamo gustarci questa bottiglia potremmo utilizzarlo anche per preparare un buonissimo risotto vino rosso da abbinare al pollo.

Quindi ricapitolando per il Thanksgiving 2013, pollo e risotto al vino rosso biologico della cantina Coceani Vignai di Roc, proposto nel pacchetto "Rosso Natale" di +eticavitis, insieme al Nero d'Avola della cantina Cossentino e ad un Barbera d'Asti della cantina Rovero.

Se invece volete provare le ricette originali americane del Thanksgiving 2013 potreste inserire nel menù delle pannocchie arrostite e le patate dolci americane o "yam".

E come dolce? Un must... la Pumpkin Pie, ovvero la torta di zucca che declinata all'italiano potrebbe diventare la torta all'uva, visto che si festeggia il raccolto!

mercoledì 27 novembre 2013

Bolla Trio Live @ Spazio Movida

Tutti i mercoledì non perdere l’appuntamento con il grande jazz a Spazio Movida. Lasciati catturare dal ritmo e della coinvolgente energia dei Bolla Trio in un evento live imperdibile.
Situato nel cuore dei Navigli, Spazio Movida è un locale ampio ed atmosfera, in perfetto stile american bar diventato in breve tempo un must per i giovani milanesi. Perfetto per una cena veloce o per un drink tra amici, Movida offre un aperitivo gustoso e abbondante con piatti caldi e freddi di ogni tipo.
Un aperitivo speciale, ottimi cocktails, musica di sottofondo e tante serate a tema all’insegna del divertimento, questo è Spazio Movida! Non perdere l’occasione di sorseggiare un drink sulle morbide note del jazz e goderti una serata dall’atmosfera suggestiva e speciale!

Per info e prenotazioni:
Spazio Movida
Via Cardinale Ascanio Sforza, 41, 20136 Milano
02 5810 2043

Per cani con patologie infiammatorie gastrointestinali ecco EXCLUSION DIET FORMULA INTESTINAL DOG

Pensando all’alimentazione del nostro cane è importante prestare attenzione non solo agli ingredienti e alle sostanze nutritive che un buon cibo deve fornire, ma è necessario anche preoccuparsi della salute e del buon funzionamento dell’intestino, cosa fondamentale non solo per lo stato fisico dell’animale, ma anche per la sua gestione quotidiana. Si stima che il 20% circa dei cani in Italia soffra di patologie gastrointestinali, maldigestione e malassorbimento. A livello clinico i sintomi possono essere: vomito, diarrea, flatulenza, perdita di peso e inappetenza.
Per cani con questo tipo di problematiche la Dorado srl ha formulato, nella linea Exclusion Diet Formula, la ricetta Exclusion Diet Intestinal Dog, un alimento dietetico che utilizza nella sua ricetta un’unica fonte proteica altamente digeribile, il maiale, e un’unica fonte di carboidrati, il riso, anch’essa altamente digeribile. Exclusion Diet Intestinal Dog risponde alle caratteristiche proprie di una dieta specifica per patologie gastrointestinali e perciò ripristina la flora batterica saprofita, riequilibra gli elettroliti eliminati con la diarrea e il vomito e  rafforza il sistema immunitario di conseguenza debilitato. Tutto ciò è possibile grazie all’impiego dei beta glucani β 1,3/ 1,6 che hanno un effetto immunostimolante; i prebiotici (FOS e MOS) che agiscono direttamente sulla flora batterica saprofita. Il corretto mix di fibre, unito allo Psyllium, riequilibra il transito intestinale. Infine, in linea con la filosofia Exclusion, che conserva tutti i suoi prodotti naturalmente, anche Exclusion Diet  Intestinal Dog è conservato con toccoferoli naturali e non contiene conservanti e aromatizzanti.


Intestinal Dry Dog, novità assoluta, è stato formulato sia per cani fino a 10 kg nella versione Small, sia per cani superiori ai 10 kg per offrire così una crocchetta di dimensione adeguata e per soddisfare i fabbisogni  nutrizionali legati alla taglia del cane.
Anche questa ricetta, come tutte le altre Exclusion utilizza materie prime prive di organismi geneticamente modificati.  Dorado Exclusion amore al primo boccone!


Novella Donelli – Ufficio Stampa Jit
0456171550
novella@justintimesrl.it
http://justintimesrl.wordpress.com

MELEGATTI ON AIR DAL 2 AL 22 DICEMBRE

Molte importanti novità nella pianificazione 2013 per l’azienda veronese

Al via dal 2 dicembre la nuova campagna pubblicitaria per il Natale 2013 di Melegatti. Telepromozioni e campagna televisiva sono i mezzi di comunicazione scelti dall’azienda veronese per le prossime festività.
Dal 2 all’8 dicembre le dolci delizie di Melegatti saranno presentate nella trasmissione condotta dall’esilarante e coinvolgente Paolo Bonolis con la partecipazione di Luca Laurenti in “Avanti un altro”, trasmissione di Canale 5 in fascia preserale con circa 5.000.000 di spettatori a puntata.
Ma le sorprese non finiscono qui: infatti dal 9 al 14 dicembre le telepromozioni saranno affidate alla trasmissione più amata e seguita dal pubblico italiano: “Striscia la notizia”. Quasi 9 milioni di telespettatori seguono giornalmente lo storico Tg satirico di Canale 5. L’amato Gabibbo assieme alle due veline presenteranno le novità di Melegatti.
Infine, per arrivare dolcemente al Natale, dal 16 al 22 Dicembre, sempre sulla rete ammiraglia di Mediaset, potremmo rivedere lo spot “Thank you Domenico Melegatti”. Lo spot è un messaggio elaborato sulla scia dei ricordi, dei valori autentici della famiglia, dell’affetto verso il Pandoro Melegatti e del suo legame con la festa più amata dell’anno.


Quindi per la fine del 2013 le scelte dell’azienda proseguono in una strategia di marketing iniziata con un operazione di completo restyling dei pack con l’introduzione di molte novità nella gamma dei Pandori e dei Panettoni Farciti.
La campagna pubblicitaria porterà a rafforzare il concetto di brand di Melegatti nel pubblico dedicando anche una parte alla gamma dei croissant “Morbidi Risvegli” e “GranLeggeri”.
Tutte le azioni di comunicazione saranno supportate sia dall’attività di ufficio stampa che di web marketing.


Novella Donelli - Ufficio Stampa Jit
0456171550
novella@justintimesrl.it
http://justintimesrl.wordpress.com

Ricchi premi per Cantine Riondo!

Cantine Riondo vuole festeggiare gli importanti successi raggiunti da alcuni dei suoi vini, presentati ai concorsi internazionali svoltisi quest’anno.
  • Castelforte Amarone della Valpolicella 2010 è stato premiato con due medaglie d’oro: una al concorso Mundus Vini (uno dei più prestigiosi concorsi in Germania) e l’altra al concorso Berliner Weine Trophy. Nelle degustazioni di luglio 2013 gli sono stati assegnati 92 punti dalla rivista online “The Wine Inspector” di Thomas Meissner, con un giudizio molto positivo anche sul rapporto qualità/prezzo.
  • Prosecco Spago Frizzante è stato premiato con una medaglia d’argento al concorso Mundus Vini in Germania; inoltre ha ricevuto una menzione al concorso International Wine Challenge di Londra.
  • Castelforte Bardolino 2012 ha vinto una medaglia d’argento al Berliner Weine Trophy.
  • Trionfo Amarone della Valpolicella Classico DOC 2008 ha vinto una medaglia d’argento al concorso enologico Decanter World Wine Awards 2013.
Forte dei propri risultati Cantine Riondo e Gruppo Collis si preparano a gestire le fasi di produzione dei vini successive alla vendemmia, certi che l’annata 2013 possa portare in futuro altri grandi successi.





martedì 26 novembre 2013

Linfoma non-Hodgkin. Bendamustina più rituximab una nuova cura

I risultati di uno studio, pubblicato su “The Lancet”, dimostrano che l’associazione bendamustina più rituximab in pazienti con linfoma non-Hodgkin, indolente e mantellare, raddoppia la sopravvivenza libera da progressione di malattia, rispetto al trattamento standard CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone) più rituximab (CHOP-R). Questi risultati rappresentano un significativo passo avanti nella terapia antitumorale per i pazienti con linfoma non-Hodgkin.
 Nova Imagem (1)
 I risultati di uno studio, pubblicato su “The Lancet”, dimostrano che l’associazione bendamustina più rituximab (B-R) in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare raddoppia la sopravvivenza libera da progressione di malattia (PFS), rispetto al trattamento standard CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone) più rituximab (CHOP-R).
Lo studio, di Fase III, prospettico, di non inferiorità, multicentrico e randomizzato in aperto, ha coinvolto pazienti di età pari o superiore a 18 anni con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare di nuova diagnosi, allo stadio III o IV. La PFS mediana dei pazienti trattati con B-R è stata di 69,5 mesi, contro 31,2 mesi di quelli trattati con CHOP-R. Il beneficio statisticamente significativo in termini di PFS è stato mantenuto nel gruppo B-R indipendentemente dall’età e in tutti i sottotipi di linfoma non-Hodgkin. Nei pazienti che hanno ricevuto B-R vi è stata minore mielosoppressione, con neutropenia grave verificatasi solo nel 29% dei soggetti, contro il 69% di quelli del gruppo CHOP-R. Con il regime B-R sono diminuite in maniera significativa anche le infezioni, che sono un effetto collaterale importante della chemioimmunoterapia, e non è stato riportato da nessuno dei pazienti del gruppo B-R l’effetto collaterale della caduta dei capelli, comunemente riconosciuto come effetto collaterale della terapia CHOP-R.
“Questi risultati rappresentano un significativo passo avanti nella terapia antitumorale per i pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare, che in passato hanno dovuto sopportare regimi chemioterapici particolarmente aggressivi e tossici”, ha affermato il professor Mathias J. Rummel, che è responsabile della Divisione di Ematologia della Clinica Universitaria di Giessen (Germania) e ha condotto lo studio.
Bendamustina è attualmente commercializzata come trattamento in monoterapia per pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente nei quali la malattia è progredita durante o entro 6 mesi dal trattamento con rituximab o con un regime che ha compreso rituximab.

28 novembre Cena Con Delitto @ Viola Enoteca

L’atmosfera suggestiva e l’ambiente intimo tipico dei piccoli bistrot francesi, rendono Viola Enoteca una piccola perla tra i Navigli.
Viola è enoteca, ristorante e molto altro: il luogo ideale per una cena romantica o per una serata tra amici all’insegna del buon cibo e dell’ottimo vino.
Il 28 novembre Viola si tinge di giallo: un assassino è a piede libero e solo tu puoi assicurarlo alla giustizia. Metti alla prova le tue doti investigatrici e non farti ingannare dai depistaggi, una notte densa di colpi di scena e gag esilaranti nella quale il detective sarai solo tu! Durante la cena un gruppo di attori professionisti vi offrirà uno spettacolo di cui sarete voi stessi i protagonisti,  per vivere una serata unica e divertente.
L’appuntamento è  alle 20.30 a Viola Enoteca con Morte a Roccanera”.
Chi scoverà il colpevole vincerà un’esclusiva cena gourmet per due persone.
Costo serata: 35 euro ( cena + spettacolo)
LA PRENOTAZIONE E’ OBBLIGATORIA  3425458259
Viola Enoteca
Via Pavia 6/2 - 20136 Milano
tel. 02.89421529
Parcheggio convenzionato (Meda Car) in via Meda 11, a pochi passi dall' Enoteca

www.violaenoteca.com

lunedì 25 novembre 2013

Cattaneo Flavio, Terna brilla con rendimenti del 5,7%

Secondo CorrierEconomia i dividendi azionari delle utilities sono migliori dei titoli di Stato. Le grandi utilities hanno, infatti, soppiantato realtà storiche, come forti pagatori di dividendi azionari. Terna, guidata dall’AD Flavio Cattaneo, offre un rendimento del 5,7%, confermando come le aziende di pubblica utilità e dell’energia siano una specie di bond a lungo termine dal punto di vita del flusso cedolare.
Foto Cattaneo GIUGNO2013
Azioni meglio dei Titoli di Stato? Dopo gli acconti staccati da alcune società, come evidenzia “Il Corriere Economia”, sembrerebbe proprio di sì visto che parliamo di dividendi che in media rendono il 2,8% con punte del 6%. E se rapportiamo queste cifre con il rendimento medio dell’inflazione (0,8%) e dell’asta annuale dei Bot (0,68%) ecco che si ha un quadro di una Piazza Affari molto positiva per gli investitori. E’ il caso ad esempio di alcune società energetiche come Terna, Eni e Snam che offrono anche il 6%, molto al di sopra del Btp decennale (4%) che è il Buon del Tesoro a reddito fisso che viene utilizzato per i termini di paragone.
In attesa di vedere quel che accadrà in primavera 2014, è da rimarcare come le grandi utilities abbiano ormai soppiantato come forti pagatori di dividendi azionari realtà storiche quali le banche o le tlc. Terna, guidata dall’AD Flavio Cattaneo, ad esempio, offre un rendimento del 5,7%, anche sopra a quello di Enel (4%) confermando come ormai le aziende di pubblica utilità e dell’energia siano una specie di bond a lungo termine dal punto di vita del flusso cedolare. E nel caso dell’azienda che gestisce la rete elettrica nazionale si tratta di una performance che ormai va avanti da almeno un biennio.
Claudio Barnini
FONTE: Terna

“WORK IN PROject”, illustrate le novità di Gerratana s.r.l.

Modica (RG) - Un qualificato e numeroso pubblico di architetti, designers e addetti ai lavori ha fatto da cornice all'evento "WORK IN PROject", organizzato lo scorso 22 novembre da Gerratana s.r.l., azienda leader nel settore delle attrezzature per ristoranti e locali pubblici, nei propri locali in viale delle Industrie 16 (Contrada Fargione, ASI Modica-Pozzallo), con il patrocinio degli Ordini degli Architetti delle Province di Ragusa, Siracusa e Messina e in collaborazione con l'Istituto professionale alberghiero "Principi Grimaldi" di Modica. Molte le novità illustrate ieri nel corso della kermesse. La prima ha riguardato il restyling degli spazi espositivi: oltre tremila metri quadri di esposizione ridisegnati secondo criteri più intuitivi e funzionali per fare posto alle nuove forniture per hospitality (settore turistico-ricettivo)e negozi di quartiere, in aggiunta alle attrezzature per bar, gelateria-pasticceria, panificazione, pizzeria, ristorazione che da sempre costituiscono il core business dell'azienda.
La seconda novità è il Gerratana Lab 7.0, un laboratorio creativo per sviluppare progetti globali con il supporto di architetti, designers, esperti di comunicazione, eco-sostenibilità e optimism-amplifiers. Il nuovo laboratorio, ricavato all'interno dell'aula didattica e ispirato negli allestimenti ai maestri italiani del design, - come hanno spiegato l'ideatore nonché direttore Giuseppe Savarino dell'agenzia pubblicitaria Sava &Sava e Lucia Trombadore responsabile della comunicazione - intende proporre una nuova cultura del progetto, fondata su un approccio creativo e multi-disciplinare, una attenta ricerca di mercato e una maggiore consapevolezza di aspetti emozionali e psicologici, talora trascurati nella tradizionale progettazione.
A corollario del Lab 7.0 sono stati presentati due concorsi di idee: uno rivolto ad architetti, designers e arredatori per ripensare i kitchen tools, l'altro riservato a pasticcieri, cioccolatieri, panettieri e ristoratori per un nuovo finger-food in grado di esaltare i sapori tipici del territorio ibleo. Si tratta di una gara di creatività e originalità, ma anche un'importante vetrina per design e architetti: il progetto vincente, oltre a un premio in denaro, sarà trasformato in un prototipo dalla cui commercializzazione l'autore ricaverà royalties del 7% per sette anni.
Nel pomeriggio, l'aula didattica ha ospitato dei seminari di formazione sulla pasticceria e sulla gelateria, riservati agli operatori del settore, con esperti, quale il maestro Luigi Perrucci della Carpigiani University, Tiziana Privitera e Vincenzo Pappalardo del cooking-project 'A Nivarata, di Acireale e altri ancora.
"WORK IN PROject" è stato anche l'occasione per rendere un omaggio alla memoria di Giuseppe Gerratana che più di cinquant'anni fa diede vita all'azienda. Alla presenza delle autorità civili e militari, la moglie, le figlie e i nipoti hanno scoperto il profilo stilizzato del fondatore accanto a una frase che ne riassume la filosofia aziendale: "Ho incontrato ogni cliente come si incontra un amico al bar, in piazza, al circolo: lui parlava di quello che aveva bisogno; io gli suggerivo il modo migliore per realizzarlo. Niente di più, niente di meno. Il resto lo facevamo insieme".
"Quelle parole, ancora vive nei nostri cuori - ha ricordato la figlia Rosalba, amministratrice della Gerratana s.r.l. - rappresentano una guida per affrontare le sfide del futuro, forti di una consolidata tradizione".


Info e contatti
Gerratana s.r.l.
Viale delle Industrie, 16 - Contrada Fargione - Agglomerato Ind. ASI Modica - Modica (RG)
Tel.:+39 0932 77.79.26 -Fax:+39 0932 77.71.52

Quando l'invenzione è green. Su Energie Sensibili le idee più originali

Il quotidiano Energie Sensibili ha pubblicato uno speciale dedicato alla raccolta dei brevetti più innovativi e curiosi legati alla sostenibilità ambientale progettati recentemente da aziende italiane.
http://www.energiesensibili.it/it/invenzioni_green_parola_dordine_sostenibilita/

Nella sezione sviluppo sostenibile del sito sono disponibili approfondimenti e video interviste dedicate ad alcuni progetti made in Italy tra cui la casa d'argilla, abitazione ecosostenibile ideata dall'azienda italiana Wasp. Si tratta di una casa realizzata interamente con la tecnica della stampa in 3D, pensata per dare un aiuto concreto ai Paesi più poveri.
http://www.energiesensibili.it/it/cooperazione_e_sostenibilita_la_casa_dargilla_stampata_in_3d/

Online anche un servizio su Water Lily, un progetto dell'architetto Cesare Griffa per la coltivazione domestica di micro-alghe, trattabili sia per produrre biocarburanti sia  luce artificiale.
http://www.energiesensibili.it/it/water_lilly_come_produrre_energia_dalle_alghe/

Il rapporto proficuo tra inventori e ambiente non sorprende vista la recente ricerca del Massachusetts Institute of Technology, che dimostra come negli ultimi anni siano aumentati in tutto il mondo i brevetti per tecnologie per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili. Qui l'approfondimento con Jessika Trancik, professoressa di Sistemi ingegneristici al Mit di Boston e coautrice della ricerca:
http://www.energiesensibili.it/it/brevetti_gli_inventori_sono_sempre_piu_green/

Sorriso Ideale: consigli di benessere sul blog Ideal Smile

Uno spazio interamente dedicato al benessere, è questo che avevano in mente i professionisti dello Studio Dentistico Amato quando hanno creato Sorriso Ideale.

Il blog e il progetto Ideal Smile Clinic si basano sulla stessa filosofia: un sorriso perfetto è il riflesso del benessere interiore che conduce ad una elevata qualità della vita e permette di migliorare la comunicazione interpersonale, le relazioni, lo stato emotivo e la propria consapevolezza di sè. Il sorriso per questo si fa espressione tangibile di un benessere totale, che va ben oltre il puro piano estetico. Il volto umano è un insieme di proporzioni che vanno rispettate per poter ottenere un sorriso perfetto. Il rispetto di tali proporzioni guida l'approccio lavorativo della clinica in cui ogni intervento è individualizzato e non standardizzato.

L'approccio perseguito da Ideal Smile Clinic è dunque globale, coinvolge tutti gli ambiti in grado di fornire al paziente un benessere sia fisico che psicologico. L'empatia viene sempre messa al primo posto per creare un rapporto di fiducia tra medico e paziente, un rapporto indispensabile che va ben oltre le logiche commerciali. Comprendere le reazioni emozionali dei pazienti, ascoltandone aspettative e bisogni è fondamentale.

Sorriso Ideale è un magazine in cui potrete trovare le risposte a svariate domande: quali alimenti permettono di avere un sorriso sano? Come affrontare e porre rimedio ai disturbi del sonno? Come usare correttamente il filo interdentale? Un'intera sezione del blog infatti è dedicata ai "consigli di benessere" che i professionisti della clinica daranno ai lettori. Oltre a tutto questo troverete anche notizie curiose e interessanti tutte aventi come tema il sorriso: quali sono i dieci sorrisi più belli? Cos'è il Grilzz che va tanto di moda tra le star? Un luogo di incontro insomma per tutti coloro che vogliono affrontare la vita con il sorriso...ideale! Seguite i consigli di Sorriso Ideale anche su Facebook, Twitter e Pinterest per essere sempre aggiornati.

Pediatra, lavanderia, latte fresco all'Hotel Acquario di Rimini

Perché passare una vacanza in un hotel per bambini al mare, ovvero tutti i vantaggi dei family hotels: dalle pappe alle lenzuola per lettini cuciti a mano.

Molte famiglie con bambini decidono di non andare in vacanza, perchè la vacanza diventa un secondo lavoro e fonte di ulteriore stress.

L'Hotel Acquario di Torrepedrera di Rimini è qualcosa di più di un hotel per famiglie è come avere una casa al mare con servizio di assistenza e intrattenimento per bambini.

Prima di tutto in questo hotel per bambini è vietato l'ingresso alle famiglie che non hanno bambini, quindi tutti i servizi sono stati pensati a misura di bimbo.

Egle, la proprietaria dell'hotel, prepara personalmente le pappe per i piccoli ospiti con prodotti freschi di stagione e, soprattutto, all’orario preferito della mamma e secondo i gusti e le abitudini di ogni singolo bambino.
In vacanza i bimbi piccoli non rispettano gli orari di casa, dormono di più e i ritmi della famiglia sono molto più rilassati. La mattina, prima di iniziare le attività della giornata, Egle si accorda direttamente con le mamme sull’orario e il menù. E quando il bimbo è sveglio e ha fame la pappa viene preparata al momento!

Altro servizio di questo hotel per bambini è la possibilità di portare meno ricambi e di contenere il bagaglio (meno stress e più spazio in macchina), grazie alla presenza di una lavatrice ad uso gratuito.
Per non parlare dell'incubo di tutte le mamme...il bimbo si ammala in vacanza che fare?
Avere un pediatra di fiducia (a pagamento) a cui rivolgersi non è poco e sopratutto non rischiamo di incorrere in brutte esperienze.

Quindi non rinunciate ad una vacanza al mare con bambini, ma scegliete un hotel per famiglie come l'Hotel Acquario di Torrepedrera di Rimini, dove ad assistervi in tutto e per tutto c'è un'altra famiglia come la vostra, quella di Egle, Fabio Bea e Carolina.

venerdì 22 novembre 2013

I Magnifici Presepi di Sabbia della Riviera Romagnola


Con l'arrivo del Natale, è inevitabile pensare alle Natività. La tradizione del presepe è molto sentita anche in Emilia Romagna. Nella case dei cristiani praticanti trovate sempre un presepe che rappresenta la nascita di Cristo. Ma da diversi anni, è nata un'altra tradizione sulle spiagge dell'Adriatico. Rimini ogni anno accoglie l'affascinante spettacolo dei Presepi di Sabbia
Anche per questo anno dal 7 dicembre al 12 gennaio 2014 potrete ammirare la bellezza straordinaria di questi presepi giganti fatti interamente di sabbia. Vere e proprie sculture che lasciano tutti a bocca aperta, non solo i bambini. I presepi della costa Adriatica sono davvero diventati un grande fenomeno turistico. Ne parlano televisioni, portali turistici, quotidiani e riviste di settore. Un vero e proprio spettacolo in dimensioni enormi e tutto al naturale. 


Artisti e scultori si dilettano con la sabbia per creare un'atmosfera unica nel suo genere. Un progetto che avvicina tutti al nostri territorio e scalda gli animi per le feste natalizie. Molti hotel della Romagna sono aperti anche in inverno, per il periodo natalizio e di Capodanno. Se non avete ancora deciso come trascorrere l'ultima notte dell'anno, possiamo darvi qualche idea. 
A Cattolica ci sono gli ML Hotels, tre strutture davvero ottime per trascorrere le vostre vacanze in estate e in inverno. Sono situati in una posizione fantastica: direttamente sul mare o nelle vicinanze, a due passi dal centro nella città vicino a Viale Dante, la via principale dello shopping. L'Hotel Plaza, l'Hotel Diplomat Marine e l'Hotel Aragosta sono strutture con numerosi servizi pensati per trascorrere vacanze indimenticabili a Cattolica. Per festeggiare l'arrivo del nuovo anno potete scegliere tra l'Hotel Aragosta e l'Hotel Plaza. Il primo offre un'area benessere, inaugurata nel 2012, che possono utilizzare anche gli ospiti degli altri ML Hotels. 

Approfittate delle offerte proposte dagli Ml Hotel e festeggiate con noi il Capodanno a Cattolica