Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

domenica 13 dicembre 2015

Come accordare il violino

Il violino ha quattro corde che sono sintonizzate per quinte, il passo scientifico delle corde dal più basso al più alto è: G3, D4, A4, e E5.

Il violino è sintonizzato per quinte perfette, ogni corda è sintonizzata in un intervallo di un quinto dalla corda accanto ad essa.

La regolazione delle corde per violino viene fatta serrandole o allentandole per produrre la nota giusta.

Alcuni violini hanno un solo regolatore per tutte le corde, mentre altri hanno regolatori su tutte e 4 le corde.

Si utilizzano i regolatori alla base delle corde se la tonalità emessa è fuori campo per un valore molto piccolo, tipicamente non più di mezzo tono, se invece la corda ha una tonalità troppo stonata bisogna utilizzare i pioli per ottenere una regolazione migliore da affinare poi con i regolatori sulle corde.

Per i principianti è consigliato di non utilizzare i pioli per la regolazione, a meno che non si assolutamente necessario, questo per evitare rotture per troppa tensione, meglio cercare di sintonizzare la tonalità delle corde con i regolatori e sfruttando i sintonizzatori elettronici che semplificano notevolmente il lavoro.

La regolazione delle corde va fatta con metodo e piccole variazione, un giro di un paio di millimetri può variare anche ti molto la tonalità delle corde del violino, meglio procedere a piccoli passi.

La procedura per la regolazione delle corde deve sempre partire da quella con la nota più bassa sino a raggiungere quella più alta, allo stesso tempo ad ogni minima variazione è bene ascoltare attentamente il suono emesso da ogni corda per capire se si sta facendo un lavoro corretto.

Si consiglia sempre di iniziare ruotando la prima corda A, seguito dal D, G, quindi terminare con la corde E.

Nessun commento: