Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

lunedì 17 ottobre 2016

Cos’è l’ECM e perché è importante per le aziende sanitarie

La sigla ECM (Educazione Continua in Medicina) indica un programma nazionale di attività formative, necessarie al personale che opera nel settore sanitario per mantenersi aggiornato sulle costanti novità dell’ambito.

Le normative sull’ECM

La formazione continua è un dovere deontologico rivolto a tutti gli operatori del comparto sanità, come specificato dal Codice Deontologico della categoria. L’imposizione rivolta ai professionisti della medicina è ribadita anche dalla dalla sentenza del TAR n. 14062/2004 del 18 novembre 2004 e regolamentata ai sensi dell'art.16-ter, comma 2, del decreto legislativo 19 giugno 1999, n.229. Secondo quanto prescritto, ogni professionista è chiamato a gestire in totale autonomia la propria formazione continua, nel rispetto delle prescrizioni sul tema varate a livello nazionale e scaturite dall’accordo stipulato tra Stato e singole regioni nel 2007.

Il sistema è basato sull’assegnazione di crediti formativi, concessi in relazione alla tipologia di corso cui ogni operatore prende parte. La formazione può essere gestita in totale autonomia dal personale o in accordo con la struttura medico-sanitaria presso cui la risorsa presta servizio. I corsi possono riguardare aspetti più propriamente medici o l’acquisizione di competenze tecniche specifiche riguardanti l’utilizzo e la gestione di nuovi macchinari.

Formazione a distanza

Per facilitare la gestione e la partecipazione a corsi di formazione specifico, la legge prevede anche la facoltà di prendere parte a eventi telematici, cui aderire attraverso piattaforme di e-learning. In tal caso i corsisti, a fine del percorso di apprendimento, sono sottoposti dal provider ECM a un test valutativo volto ad accreditare la reale acquisizione di nuove conoscenze teoriche e pratiche. In caso di mancato superamento della prova, la risorsa non riceve l’accreditamento di alcun punto di formazione ed è chiamato a ripetere il corso o a selezionarne un altro. Negli ultimi anni sono state avviate sperimentazioni per lo svolgimento di corsi in modalità videoconferenza (ECM FED) sebbene, nonostante i primi progetti portati a termine, si tratti ancora di una soluzione in fase di implementazione definitiva.

Nessun commento: