Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

venerdì 4 novembre 2016

“E non mi dire” è il nuovo singolo di Silver, incluso nell’ album omonimo uscito lo scorso 13 maggio



Scritto  da Silver, con la collaborazione di Paolo Battaglino (Se mi freghi un respiroTre gocce, Questo amore, Esco tutti i giorni, Tutto Diverso) ci conduce, a differenza dei precedenti singoli,in un atmosfera più intima e velata di malinconica. Si tratta, infatti, di un brano intenso e profondo, introspettivo, serrato dal punto di vista testuale e melodico, che ci mostra una faccia ancora diversa dell'artista,multiforme proprio come la vita a cui l'arte e la musica si ispirano.


E non mi dire  esprime una visione dell'amore diversa rispetto ai precedenti brani di Silver, dove il tema è spesso presente nelle sue più varie sfumature e declinazioni: dall'amore universale senza sesso, età, condizione sociale, razza di "Questo amore", all'amore finito ma ripercorso in chiave ironica di "Esco tutti i giorni", a quello romantico di “Tre gocce”,fino all’amore che si deve a se stessi in “Tutto diverso”. In E non mi dire  l’artista canta un sentimento più raccolto e struggente, a tratti incomprensibile(“e non mi dire che ti serve l’amore/perché non sai nemmeno cosa vuol dire”...), travagliato dall’incomunicabilità,dai rimpianti per gli errori passati nella triste consapevolezza dell'impossibilità di porvi rimedio ("se la macchina del tempo mi potesse aiutare...") da cui esplode il senso di impotenza e solitudine,perché "per uno solo qui c'è troppa aria da respirare". Un brano che racconta la vita nella sua apparente "banalità", che altro non è che la normalità,in cui ognuno non può che rivedere la propria storia personale e la inevitabile ciclicità delle esperienze, belle e brutte,che alla fin fine alimentano il sogno e la speranza ("è solo una ruota che continua a girare/ e non ti lamentare se ti farà male/è solamente quello che ti porta a sognare").

Nessun commento: