Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

lunedì 9 gennaio 2017

Al Teatro Le Sedie va in scena "M"

Dal 13 al 15 gennaio 2017 al Teatro Le Sedie di Roma va in scena "M", scritto e diretto da Alessandra Caputo con Chiara Pavoni. M è un iniziale. Dopo di Lei cosa viene? Una sinfonia. Nessun racconto, nessuna storia, semmai un terribile vissuto, quello di una famiglia immersa nella Linea della Madre al Nero.
Una mamma che non ha mai smesso di essere “solo una figlia” ha ucciso la propria bambina, è sola e allo stesso tempo costantemente invasa e confusa dalle identità femminili del proprio albero genealogico fatto di soprusi e di violenze morali, psicologiche e fisiche. Quando l’odio si tramanda al posto dell’amore, come una catena che non si spezza se non c’è il coraggio di cambiare da soli, di essere diversi da chi ti ha cresciuto, da chi ancora ti controlla dal di dentro. Nessuna giustificazione, nessun assolvimento, solo un tentativo di comprensione delle emozioni e pulsioni di violenza indagate per mezzo di una strada che esplora un lato oscuro del femminile con la musica, i simboli, il corpo, il rito.
M
scritto e diretto Alessandra Caputo
con Chiara Pavoni; musiche Rodolfo Valentino Puccio; costumi e trucco Roberta Budicin; fotografie Stefano Guidoni. Interventi pittorici di Natalia Mancini.
Teatro Le Sedie
vicolo del Labaro 7
dal 13 al 15 gennaio
ore 21.00
domenica ore 18.00
Ingresso: € 10 intero; € 8 ridotto
info e prenotazioni: info@teatrolesedie.it – 3201949821

Nessun commento: