Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

lunedì 6 febbraio 2017

Anticalcare elettronico rimuovere il calcare

In alcune zone d’Italia l’acqua risulta particolarmente dura a causa dell’elevata presenza di calcio e magnesio. Ciò inevitabilmente produce il calcare, creando vari problemi tra cui: tubature intasate, rischio di corrosione, proliferazione di batteri, riparazione frequente degli elettrodomestici (lavastoviglie, scaldabagni, caldaie ecc.) nonché un aumento della bolletta elettrica.
Esistono diverse soluzioni anticalcare, la più efficace al momento risulta essere l’uso di un anticalcare elettronico.
Nello specifico si tratta di un sistema ecologico che basandosi su impulsi elettronici multifrequenza fa mutare il processo di cristallizzazione del calcio liquido. In altre parole il calcare perde la caratteristica aggregante di adesione sulle superfici.
CalcareStop è un anticalcare elettronico che non fa uso di sali, diversamente dagli addolcitori, né di qualsiasi altra sostanza chimica.



L’installazione di un anticalcare elettronico non richiede alcuna competenza idraulica. Non è necessario modificare nessuna tubatura. Basta semplicemente collocare CalcareStop anticalcare elettronico vicino alla tubatura da monitorare, fissare i cavi per gli impulsi elettronici a sinistra e a destra del tubo distanziati da almeno dieci centimetri e poi disporre CalcareStop anticalcare elettronico a parete o sulla tubatura. Al termine della fase di montaggio sarà sufficiente collegarlo alla presa elettrica. Il dispositivo non richiede alcun tipo di manutenzione.
La differenza tra i vari tipologie di anticalcare elettronico sono dovuti all’uso (interno o esterno), alla portata massima del tubo (che può essere di: mezzo pollice e 5000 l/h; tre pollici e quindici metri cubi/h; sei pollici e cento metri cubi/h) e dall’uscita delle bobine (2 x capacitive, 4 x capacitive o 6 x capacitive).
Ogni anticalcare elettronico richiede una tensione di lavoro da 24 Volt su un campo di frequenza compreso tra 3 e 32 KHz.
Per altre domande sul funzionamento, il montaggio nonché la possibilità di acquistarlo si rimanda al sito Anticalcare.



Nessun commento: