Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

martedì 21 gennaio 2020

Berlino84 “Sotto la pioggia” è il singolo indie-pop del cantautore avellinese nato a Basilea

Nel brano si colgono influenze indie/pop del momento, sfumature del passato condensate in suoni acustici e synth analogici ad effetto retrò. 


«HO SUONATO IN UN CESSO, SU DI UN PALCO, NEI LOCALI, AL CENTRO COMMERCIALE, IN STAZIONE, IN AEREOPORTO, ALLA CENA AZIENDALE, NELLE RADIO LOCALI, IN MACCHINA E IN QUALSIASI ALTRO POSTO DOVE HO TROVATO UN PIANOFORTE O UNA CHITARRA.
CREDO SIA GIUNTO IL MOMENTO DI ANDARE ALL-IN.
MI È RIMASTA L’ULTIMA FICHE....
CHISSA' CHE NON CI SIA UN ALTRO GIRO DI RUOTA!!!» 

Sotto la pioggia nasce a Verona e parla della voglia di due ragazzi che vivono lontani dalla propria casa d’origine ma che condividono lo stesso - nuovo - tetto. Solo assieme trovano la forza di affrontare i problemi e ogni ostacolo viene ridimensionato, perché quando si è lontani non ci si può appoggiare a nessuno se non a chi ci è accanto. 



Etichetta: MeltinaRecords

BIO

Fabio Gaetano Picciocchi in arte BERLINO84 nasce a Basilea da genitori emigranti nel 16/11/1984. Fin da bambino, eclettico e iperattivo, ascolta i grandi cantautori italiani sottolineando parole e ricantichhiando le melodie. Visto il suo gusto musicale già maturo, decide di avvicinarsi alla musica dopo che la madre lo iscrive ad un corso di pianoforte all’ età di 7 anni. Ad 11 anni inizia a frequentare il conservatorio di musica dove studierà fino ai 17, per poi abbandonarlo e immergersi nel genere pop. All’ età di 18 anni avvia l ‘approccio alla scrittura, ideando un brano la cui ispirazione nasce dalla morte di un caro amico, a cui lo dedica. Sempre a 18 anni inizia a prendere in mano la chitarra per sentirsi musicalmente più completo, ed è proprio durante questo periodo che si avvicina ed inizia ad amare il periodo musicale berlinese di David Bowie. Ora nasce il nome di Berlino84. Oltre David Bowie, nello stesso periodo comincia a riascoltare il cantautorato italiano, e più precisamente, Dalla e De Andrè, di cui riarrangerà alcuni brani che suonerà live con la sua band.
Poco dopo, a giugno 2019, l’incontro col produttore Alessandro Cecconi della MeltinaRecords che intuisce che in lui ci fosse un artista completo dalla forte personalità e una capacità di scrittura molto originale. Decidono così di mettersi in gioco dando vita al primo singolo ufficiale SOTTO LA PIOGGIA che viene proposto anche a Musicultura 2020 dove è tuttora in gara. “Sotto la pioggia” apre le porte anche alla Notte Bianca di Napoli avvenuta il 5 Gennaio difronte a 10.000 persone. Tra i progetti di questo 2020 c’è quello di dar vita ad un album di 8/9 tracce che lo sappia rappresentare a pieno.

Contatti e social

Ig: berlino84

Procopio Bros “Respirare” : è uscito il 10 gennaio il singolo d’esordio del trio di fratelli torinesi


Il brano è stato realizzato da Massimo Morini presso il Buio Pesto Studio, e sarà pubblicato da Tyrus Records, con distribuzione Believe Digital.




Respirare” è il primo singolo dei PROCOPIO BROS. Una canzone tradizionale di musica leggera mezzotempo nella quale i tre fratelli Luca, Valentina e Francesca esortano chi ascolta a superare i propri momenti difficili non permettendo al destino avverso di prendere il sopravvento sulla speranza.
La cifra stilistica è, ovviamente, l’intreccio melodico-armonico delle tre voci, come in ogni canzone dei Procopio.
Nel videoclip i Procopio Bros tentano la fortuna al “Torino’s Talent”, concorso di fantasia nel quale dovranno convincere i tre giudici a portarli alla finale. Non mancano bellissimi scorci di Torino, la città dove i Procopio Bros vivono, lavorano e creano le loro canzoni.



Radio date: 10 gennaio 2020
Etichetta: Tyrus Records

BIO

I Procopio Bros sono un trio vocale formato da 3 fratelli di Torino: Luca, Valentina e Francesca, rispettivamente classe 1981, 1989 e 1990. Tutti e tre sono professionisti: cantanti, musicisti ed autori. Luca è anche polistrumentista, Valentina insegnante, Francesca corista.
Essendo fratelli cantano assieme sin da quando sono bambini e hanno studiato musica e canto con diversi maestri, imparando ad armonizzare le voci in modo spontaneo.
Hanno partecipato a molti concorsi canori, giungendo sempre almeno ad un premio, tra i quali una borsa di studio presso il CET di Mogol.
Si esibiscono prevalentemente a Torino, con i seguenti progetti musicali: "Kind Of Magic" e “QGHL” (tributo e spettacolo teatrale sui Queen), "Michael" (spettacolo teatrale su Michael Jackson), "Your Song” (spettacolo teatrale su Elton John).
RESPIRARE è il loro primo singolo, realizzato da Massimo Morini presso il Buio Pesto Studio (Bogliasco, GE) e pubblicato da Tyrus Records, con distribuzione Believe Digital.
Il videoclip di “Respirare” è stato girato a Torino e presso il Salotto Magico di Moncalieri.


Contatti e social



venerdì 17 gennaio 2020

Ad Interno 4 “Caminetto cinematografico: La lunga notte del ‘43”

Sabato 18 gennaio 2020 alle ore 18 in occasione delle celebrazioni per il decennale dalla scomparsa del famoso regista Florestano Vancini, Roberto Alessandrini in collaborazione con Palatinum Club organizza ad Interno 4 un ciclo di tre caminetti cinematografici di suoi film, con cadenza mensile. La rassegna sarà resa più attraente dalla presenza della figlia Gloria Vancini, che presenterà il film arricchendolo di notizie e confidenze familiari, a cui seguirà il dibattito e quindi uno spuntino offerto dalla padrona di casa, l’attrice di teatro Chiara Pavoni.

Cartucce per stampanti Prink: Prink porta il cinema a casa tua

I regali nei negozi Prink non sono ancora finiti: fino al 29 febbraio con l’acquisto di due prodotti da Prink riceverai in omaggio fino a tre coupon per vedere film in streaming su Rakuten TV, il famoso servizio di streaming visibile su smart TV, computer, smartphone e console.
film-streaming-omaggio-rakuten-tv-coupon-IMG-PR
Il Natale è passato, ma i regali nei negozi Prink non sono ancora finiti. Infatti fino al 29 febbraio da Prink con l’acquisto di due prodotti riceverai in omaggio fino a tre coupon per vedere film in streaming su Rakuten TV. Rakuten TV è il famoso servizio di contenuti video in streaming on demand, visibile su smart TV, computer, smartphone e console. Grazie ai coupon offerti da Prink potrai scoprire in modo gratuito i vantaggi e la comodità di questo servizio di streaming: i migliori film del momento saranno disponibili on demand su tutti i tuoi dispositivi, quando vuoi.
Come funziona la promozione Prink per i film streaming in omaggio su Rakuten? Ci sono tantissimi prodotti che aderiscono: cartucce inkjet originali e Prink, toner originali e Prink, rotoli a trasferimento termico originali e Prink, nastri originali e Prink per stampanti ad impatto, carta di qualsiasi tipologia, accessori, timbri e stampanti. Si riceve un coupon omaggio acquistando due prodotti di qualsiasi tipologia e valore tra questi appena elencati. I coupon diventano due se i due prodotti acquistati sono per la stessa stampante (esclusi carta, accessori, timbri e stampanti). Riceveranno tre coupon coloro i quali acquisteranno due prodotti Prink di qualsiasi tipologia e valore tra toner a marchio Prink, rotoli a trasferimento termico a marchio Prink e nastri a marchio Prink per stampanti ad impatto.
Utilizzare i coupon regalati da Prink è facilissimo: basterà collegarsi al sito indicato sul retro del coupon e cliccare sul bottone “Utilizza il tuo il coupon”. Dopo aver inserito il codice scritto sul coupon, il film sarà disponibile per la visione su tutti i dispositivi compatibili. Tutti i dettagli della promozione Prink per Rakuten sono disponibili sul nostro sito.
Fino al 29 febbraio c’è un motivo in più per acquistare cartucce e toner per stampanti nei negozi Prink! Da Prink ogni cliente trova una vasta selezione di prodotti per scegliere quello più adatto per le proprie esigenze di stampa: abbiamo cartucce e toner originali dei marchi più utilizzati, come HP, Epson e Canon. Per chi è più attento al risparmio ma vuole ottenere comunque una stampa di qualità, i nostri esperti consigliano cartucce e toner a marchio Prink: perfettamente compatibili e meno costose delle originali. Prezzi competitivi, vasta scelta di prodotti e coupon per film streaming in omaggio: cosa desiderare di più? Per acquistare Vai subito nel negozio Prink più vicino, sono oltre 600 in tutta Italia.
Fonte: marketinginformatico.it

mercoledì 15 gennaio 2020

Chiara Pavoni all’evento ‘Wedding’ Sposa e Cerimonia


Domenica 19 gennaio a partire dalle ore 10 alle 20 Wedding presenta “Sposa e Cerimonia” a Palazzo Doria Pamphilj a Valmontone, evento organizzato da Romano Benito Storace. Testimonial della sfilata per il brand di Arianna Edran Di Lembo l’attrice Chiara Pavoni, che si esibirà in una performance originale e interessante.

lunedì 13 gennaio 2020

Serena “Colpevole” è il singolo di conferma della giovane youtuber vicentina


“Un invito ad essere se stessi senza mai accettare nessun compromesso evitando di indossare delle maschere per la paura di non essere come gli altri ci vorrebbero”.




Dopo il primo singolo intitolato “come il Titanic”, la giovane youtuber vicentina pubblica il suo secondo inedito “Colpevole”. 
Ci racconta la giovane cantante: «Colpevole è quella sensazione che hai quando le persone ti giudicano negativamente solo perché provi a fare delle cose diverse dagli altri o semplicemente perché vuoi pensare con la tua mente e non uniformarti al pensiero comune. Per non sentirsi “colpevoli” molti giovani si costruiscono una maschera, un’immagine fittizia e virtuale che però non li rappresenta veramente. Lo fanno per piacere agli altri o per non sentirsi esclusi ma alla fine la loro anima vive in bilico fra sentirsi falsi e sentirsi colpevoli. Io ho scelto di essere colpevole per poter essere sempre e solo me stessa».
“Colpevole” è anche il grido di chi si sente diverso, di chi si sente non compreso. Spesso molte persone giudicano gli altri senza nemmeno provare ad ascoltarli e a capirli. Ci si sente così giudicati per qualsiasi cosa si faccia (anche sui social) da persone che magari prima dovrebbero pensare ai propri sbagli e ai propri danni.
«Viviamo in una finta società perbenista» - continua il suo racconto Serena - «che vuole obbligarci ad indossare delle maschere. La maschera che più crea danni è proprio quella del finto buonismo perché mostra per bene quello che in realtà è il male».
Il brano fa riferimento anche al mondo della musica e dell’arte in generale che viene considerato come vittima di una forte omogeneizzazione. Bisogna allinearsi al pensiero comune, tutto quello che si scrive e si dice deve essere dentro certi canoni, tutto deve essere omologato altrimenti sei giudicato negativamente. E nell’epoca dei social si può essere condannati ed esposti molto facilmente al pubblico ludibrio. 
Anche Serena si è sentita giudicata: «questa canzone nasce da qualcosa che ho vissuto personalmente ma “Colpevole” non vuole essere solo un racconto di un’esperienza personale o un grido di malessere interiore. Questo brano vuole piuttosto essere un invito rivolto a tutti di trovare la forza e il coraggio di gettare questa maschera che spesso ci viene imposta e di essere sempre e fino in fondo noi stessi senza preoccuparci del giudizio degli altri»


Il brano è stato scritto da Serena con il produttore Roberto Carraro che ne ha curato anche l’arrangiamento. 


Radio date: 14 Gennaio 2020
Autoproduzione


BIO


Serena nasce l’11 maggio 2001 in provincia di Vicenza e frequenta l’ultimo anno di liceo economico sociale. Da sempre appassionata di comunicazione e di canzoni inizia fin da piccola a pubblicare i primi contenuti sul suo canale YouTube per poi proseguire su Instagram e TikTok. In breve tempo Serena riesce a conquistare un bel seguito di giovani affezionati. Dopo aver realizzato molte cover Serena pubblica nel 2019 il suo primo inedito: “come il Titanic” iniziando così il suo personale percorso artistico come interprete ed autrice. Nelle sue canzoni Serena rappresenta efficacemente i sentimenti, le paure, le fragilità e le aspirazioni della sua generazione (la Generazione Z). 

Contatti e social


Profilo Instagram: serenapppo_


Canale YouTube: https://www.youtube.com/Serenapuppo

sabato 11 gennaio 2020

Giulia Fly In radio con il singolo “L’amore che”, già disponibile in tutti i digital store


Giulia Fly in radio e nei digital store con il singolo “L’amore che”, il primo in italiano per la cantautrice caucasica. Una canzone che parla di un amore di lunga data, ma che ha lasciato cicatrici sulla sua anima.

“In questa storia c’è una donna che non aveva lo spirito e il coraggio di andarsene, di lasciare una relazione che non aveva futuro; e c’è un uomo che possedeva un potere quasi magico di attrazione, mentre era un mostro a livello morale, che poco a poco la distruggeva dentro. La canzone è dedicata a tutte le donne che sono state sottoposte a violenza psicologica o sica da parte degli uomini. Qualche anno fa, mi sono innamorata dell'Italia e così ho deciso che questa ballata piena di passione dovesse essere cantata in questa lingua meravigliosa”.

Giulia sta attualmente lavorando al suo nuovo album ed i primi brani di questo lavoro sono stati prodotti da un famoso produttore svizzero, presso gli Suisse Power Place Studios. Le ultime canzoni sono scritte e composte totalmente da lei, rafnando il suo proprio stile e trasponendo le sue emozioni e i suoi pensieri in un modo davvero originale.

Biografia

La potente voce di Giulia Fly rivela n dalle prime note la profondità delle emozioni che lei trasmette con la sua musica. La cantante che arriva dal Caucaso, con origini russe, accompagna gli ascoltatori in un viaggio attraverso una terra piena di segreti e curiosità. I suoi beat, rafnati e allo stesso tempo moderni, sono trasportati dalla lingua inglese in un miscuglio di culture e contrasti. A chi ascolta Giulia Fly viene inevitabilmente la pelle d’oca e percepisce nel battito del cuore di questa artista, i cuori pulsanti delle diverse culture. Giulia canta l’amore, i sogni, le esperienze e le cicatrici della sua anima. Gli strumenti etnici che ritroviamo nella sua musica ci raccontano quanto lei sia vicina alle culture orientali e quanto signicative siano per lei. Giulia Fly è nata nel 1985 nella parte meridionale della Russia, nel Caucaso, che è una delle più grandi regioni montuose del mondo, con vette che superano i 5.000 metri di altitudine. Come il Caucaso, le sue donne sono conosciute per la loro forza, libertà e bellezza. Il loro amore e la passione per la musica hanno condotto Giulia a Rostov-on-Don, una metropoli di milioni di abitanti, nella parte europea della Russia. È proprio lì che la cantante ha cominciato a dilettare il pubblico con il suo carisma. Nel 2009 Giulia si è trasferita in Svizzera e ha preso lezioni dal cantante Jeffrey Byers e dalla soprano Leila Elmer, che l’hanno resa cosciente delle sfumature del canto e dell’incredibile energia della sua voce. “Racconto una storia fatta di emozioni in ogni canzone che canto. È la mia propria storia ed è la storia dell’ascoltatore.” - dice la cantante, descrivendo il fascino del suo carisma e delle emozioni che trasmette. Da qualche tempo Giulia Fly sta conquistando la scena culturale di Zurigo. Molti la conoscono per le sue performance nel tradizionale club Adagio, dove ha tenuto concerti da solista, accompagnata da vari artisti, tra cui il pianista, compositore e arrangiatore Bela Balint. Giulia prova anche a cimentarsi in nuove avventure. Ha avuto il suo debutto d’attrice a Zurigo nel 2015, nello spettacolo di Oleg Lips “Back in the USSR”, sul palco del cultural market. La cantante vive con suo marito e i suoi due figli ad Einsiedeln, dove è già conosciuta dal pubblico. Ha preso parte ad eventi culturali locali e si è anche esibita in concerti da solista.