Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

martedì 20 dicembre 2011

Calvize e alopecia lo stesso problema con termini differenti

Quando vogliamo parlare delle patologie inerenti la caduta di capelli siamo soliti usare il termine generico calvizie, ma in realtà in base al tipo di problema ci sono dei termini diversi.
La patologia più comune tra queste è l’alopecia androgenetica vale a dire la calvizie che si manifesta principalmente per cause genetiche o ereditarie.
L’alopecia androgenetica colpisce dia uomini che donne, ed è dovuta principalmente dall’eredità dei recettori del deidrotestosterone (DHT) nel follicolo del capello i quali rendono i capelli più predisposti all’indebolimento e alla caduta.
Per quanto riguarda gli uomini l’alopecia androgenetica colpisce circa l’80% mentre per le donne il 35% in età fertile ed il 50% in menopausa.
L’alopecia può essere risolta in più modi, quello più comune è con le tecniche di autotrapianto capelli il quale ad oggi riesce a produrre risultati notevolmente soddisfacenti oppure tramite la tecnica BSBS la quale con uno studio delle cause alla base dell’alopecia trova la cura adatta a risolvere il problema dalla radice.
Quest’ultimo metodo è ad oggi il più avanzato per risolvere il problema della calvizie anche perché è una soluzione non chirurgica infatti non è prevista operazione ma una vera e propria cura che viene creata appositamente in base all’analisi del DNA del paziente il quale rivela le cause dell’alopecia di quest’ultimo. In questo modo non metteremo una “toppa” al problema ma lo risolveremo definitivamente il che è proprio quello di cui ogni paziente ha bisogno per stare bene con se stesso e con gli altri.

Nessun commento: