Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

mercoledì 14 marzo 2012

La Settimana Santa e la Pasqua Sardegna :-)


Forse l’abbiamo detto già parecchie volte in queste pagine, ma non ci stanchiamo mai di ripetere che in Sardegna sono molteplici le tradizioni e i riti nati dal mescolarsi di tante culture diverse tra loro.

Una su tutte quella spagnola che si è fusa con le usanze dell’isola dando origine a consuetudini e cerimonie mistiche, profonde e al quanto coinvolgenti.

Così è anche per la Settimana Santa in Sardegna: esperienza unica e talmente suggestiva da lasciare sempre senza fiato (anche i non credenti) per la sua forza e l’intensità delle processioni, dei rituali e dei momenti che ripercorrono passo passo le ultime ore di Gesù Cristo.

Sull’isola sono decine i paesi e le rispettive Chiese che durante i giorni di Pasqua si trasformano in veri e propri teatri in cui persone comuni diventano attori preparati e seri e, assieme a vecchie statue, recitano scene antiche 2000 anni con devozione, sentimento e una forte spiritualità.


Sa Chida Santa inizia con la Domenica delle Palme, quando una lunga processione di fedeli precorre le vie del paese con in mano piccole e grandi palme intrecciate e lavorate da abili mani. Il tutto viene spiegato meglio nel seguente video:

[youtube 76XlSIgF3X0&feature=player_embedded]

Ci sono poi le processioni dei Misteri composte da uomini incappucciati e vestiti di bianco, in alcuni paesi a piedi scalzi. Ma, ancor più emozionante è la Lavanda dei piedi: il sacerdote, durante la messa, con un mazzetto di menta, ripete il gesto fatto da Gesù il giorno dell’Ultima Cena quando lavò i piedi ai suoi discepoli.

Il massimo del magnetismo si raggiunge, però, con i toccanti e piuttosto commoventi riti della Crocifissione, dove la statua di Gesù viene veramente messa sulla croce per poi essere deposta, che prendono il nome di “S’Incravamentu” e "Su Scravamentu", dal dialetto ‘cravare’ cioè infilare con forza.

I due rituali, lunghi e intensi, indicano quindi gli attimi in cui mani e piedi di Gesù Cristo furono trapassati con forza da lunghi chiodi e successivamente, quando lui morì, questi stessi chiodi vennero tolti e lui fu posto nella grotta.

[youtube KvoYt6gG9ro&feature=player_embedded]

Infine, la Domenica di Pasqua, giorno della Resurrezione, la statua di Gesù Risorto incontra quella della Madonna, in una processione che culmina con "S'Incontru" per le vie dei paesi.

Durante le sacre rappresentazioni le Confraternite giocano un ruolo fondamentale nell’organizzazione e realizzazione dei vari rituali “sfilano nei loro suggestivi costumi, intonando canti religiosi in latino e sardo, le cui origini risalgono anche al Medioevo”. Fonte.

[youtube CE79leTyCQE]

I paesi in cui è possibile assistere e prendere parte a questi suggestivi e stupendi riti sono molteplici. Castelsardo, Santulussurgiu, Scano Montiferru, Oliena, Cagliari, Orosei, Cuglieri, Alghero sono solo alcuni, quelli più noti.

Noi di Portale Sardegna stiamo pensando ad offerte apposite per la Pasqua in Sardegna 2012 da dedicare ai viaggiatori in cerca di emozioni e con addosso sempre la curiosità di scoprire la più profonda e intensa anima di una terra e della sua gente. Presto nel nostro sito tutte le soluzioni proposte :-)

di Giulia Madau

La Pasqua in Sardegna: tra fede, tradizione e teatralità

Nessun commento: