Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

lunedì 8 ottobre 2012

Crescere un bambino durante la crisi economica

La crisi economica ha ridotto le possibilità di acquisto di numerose famiglie italiane e i genitori si vedono spesso costretti a rinunciare all’acquisto di determinati prodotti per il proprio bambino.
Ridurre le spese senza rinunciare alla qualità è possibile ed è sufficiente seguire alcuni semplici consigli e usufruire delle opportunità commerciali offerte dal mercato.
Innanzitutto è importante definire quali sono gli acquisti indispensabili per il bambino e quali sono invece gli acquisti superflui che possono essere eliminati senza particolari problemi.
Se, ad esempio, il bambino ha tantissimi giochi non è necessario soddisfare il capriccio del bambino che vuole acquistare il giocattolo all’ultima moda. A tal proposito è importante ricordare l’importanza, sottolineata da numerosi pedagogisti, dei no ai capricci nell’educazione dei bambini.
Al contrario, per quanto riguarda l’acquisto di alcuni oggetti come le scarpette, i vestiti, il lettino, il seggiolino..., è importante non rinunciare alla qualità per tutelare la salute e la sicurezza del bambino. I prodotti delle marche più prestigiose però spesso sono molto costosi e, soprattutto per quanto concerne i lettini , i seggiolini e i passeggini, questi oggetti vengono tramandati all’interno della famiglia da una generazione e l’altra. Per tutti coloro che non possono usufruire di oggetti per l’infanzia usati e che desiderano acquistare prodotti delle marche più prestigiose a prezzi vantaggiosi sono stati concepiti i negozi per l’infanzia Baby Bazar, una catena commerciale di negozi che si occupano della vendita di oggetti per l’infanzia usati in perfetto stato. Il funzionamento dei negozi Baby Bazar è molto simile ad un mercatino specializzato nel baby usato: tutti possono acquistare oggetti per l’infanzia usati a prezzi vantaggiosi e/o rivendere gli oggetti non più utilizzati dai propri bambini in un vero e proprio negozio ricevendone il ricavo in contanti. E’ possibile acquistare e vendere tutti gli oggetti legati ai bambini: giocattoli, zaini, scarpe, vestitini, passeggini... Per quanto riguarda gli oggetti che devono essere venduti all’interno del negozio, verranno accettati solo prodotti puliti, lavati e in perfetto stato che non presentano alcun segno di usura.
Le procedure di vendita degli oggetti dei propri bambini tramite i negozi Baby Bazar sono molto semplici: dopo essersi registrati potrete mostrare al personale gli oggetti che intendete mettere in vendita. Gli oggetti accettati per la vendita saranno esposti in negozio gratuitamente per tre mesi, trascorsi i quali gli oggetti invenduti, se non ritirati dai rispettivi proprietari, verranno donati ad Onlus a favore dell’infanzia. Durante tutto il periodo di esposizione , potrete ritirare gratuitamente i vostri oggetti semplicemente recandovi in negozio. Una volta che l’oggetto è stato venduto recandovi in negozio otterrete il ricavo di vendita in contanti.
I negozi Baby Bazar offrono dunque sia l’opportunità di acquistare prodotti delle marche più prestigiose a prezzi più che dimezzati sia l’opportunità di guadagnare del denaro in contanti dalla vendita di oggetti del proprio bambino non più utilizzati.
Esistono numerose altre opportunità per effettuare gli oggetti per i propri bambini senza rinunciare alla qualità e al risparmio. E’ il caso dei mercatini dell’usato, dei vestiti di qualità ma non firmati... E’ sconsigliabile, al contrario, acquistare giocattoli non conformi alle normative europee in quanto possono essere nocivi e pericolosi per il bambino.

Nessun commento: